Facebook Pixel
Milano 21-giu
33.308,77 -1,09%
Nasdaq 21-giu
19.700,43 -0,26%
Dow Jones 21-giu
39.150,33 +0,04%
Londra 21-giu
8.237,72 -0,42%
Francoforte 21-giu
18.163,52 -0,50%

Indagine BCE: i risultati sulle aspettative dei consumatori

Banche, Economia
Indagine BCE: i risultati sulle aspettative dei consumatori
(Teleborsa) - Il tasso mediano di inflazione percepita nei 12 mesi precedenti è diminuito ulteriormente, per il quinto mese consecutivo, al 5,5%, dal 6,0% di gennaio. Anche le aspettative mediane di inflazione per i prossimi 12 mesi sono diminuite, al 3,1% dal 3,3%. Si trovano ora al livello più basso dall’inizio della guerra ingiustificata della Russia contro l’Ucraina nel febbraio 2022. Le aspettative di inflazione su tre anni sono rimaste invariate al 2,5%. Le aspettative di inflazione sugli orizzonti di uno e tre anni sono rimaste ben al di sotto del tasso di inflazione percepito in passato. L’incertezza sulle aspettative di inflazione per i prossimi 12 mesi è rimasta invariata. Gli andamenti delle percezioni e delle aspettative di inflazione sono rimasti relativamente allineati tra i vari gruppi di reddito, anche se leggermente più elevati per i due quintili di reddito più bassi. Gli intervistati più giovani (di età compresa tra 18 e 34 anni) hanno continuato a segnalare percezioni e aspettative di inflazione inferiori rispetto agli intervistati più anziani (quelli di età compresa tra 35 e 54 anni e quelli di età compresa tra 55 e 70 anni).

Le aspettative dei consumatori per la crescita del reddito nominale sono aumentate all’1,4%, dall’1,2% di gennaio. Questo aumento è stato osservato in tutte le fasce d’età. La percezione della crescita della spesa nominale nei 12 mesi precedenti è diminuita ulteriormente, per il quarto mese consecutivo, al 6,4%, dal 6,6% di gennaio, in linea con gli sviluppi delle percezioni dell’inflazione. Questa diminuzione è stata osservata esclusivamente negli intervistati più anziani (quelli di età compresa tra 35 e 54 anni e quelli di età compresa tra 55 e 70 anni). Le aspettative di crescita della spesa nominale nei prossimi 12 mesi sono rimaste stabili al 3,7%.

Le aspettative di crescita economica per i prossimi 12 mesi sono rimaste invariate al -1,1%. Anche le aspettative per il tasso di disoccupazione a 12 mesi sono rimaste invariate al 10,9%. I consumatori continuano ad aspettarsi che il tasso di disoccupazione futuro sarà leggermente superiore al tasso di disoccupazione attuale percepito (10,5%), il che implica un mercato del lavoro sostanzialmente stabile. Il quintile di reddito più basso ha continuato a segnalare il tasso di disoccupazione atteso e percepito più elevato.

I consumatori si aspettano che il prezzo della loro casa aumenterà del 2,4% nei prossimi 12 mesi, un valore superiore a quello di gennaio (2,2%). Le famiglie del quintile di reddito più basso hanno continuato ad aspettarsi una crescita dei prezzi delle case più elevata rispetto a quelle del quintile di reddito più alto (rispettivamente 3,1% e 2,1%). Le aspettative per i tassi di interesse ipotecari a 12 mesi sono rimaste invariate rispetto a gennaio al 5,1%. Come nei mesi precedenti, le famiglie con il reddito più basso si aspettavano i tassi ipotecari più alti anche per i prossimi 12 mesi. La percentuale netta di famiglie che segnalano un inasprimento (rispetto a quelle che segnalano un allentamento) nell’accesso al credito nei 12 mesi precedenti è diminuita, così come la percentuale netta di coloro che si aspettano un inasprimento nei prossimi 12 mesi, raggiungendo livelli osservati l’ultima volta all’inizio 2022.

Condividi
```