Facebook Pixel
Milano 21-mag
0 0,00%
Nasdaq 21-mag
18.713,8 +0,21%
Dow Jones 21-mag
39.872,99 +0,17%
Londra 21-mag
8.416,45 -0,09%
Francoforte 21-mag
18.726,76 -0,22%

Inps, nel 2023 raccolti 214,6 miliardi di contributi (+4% rispetto al 2022)

Economia
Inps, nel 2023 raccolti 214,6 miliardi di contributi (+4% rispetto al 2022)
(Teleborsa) - Ammontano a 214,6 miliardi i contributi raccolti dall'Inps nel 2023 (+4 per cento rispetto al 2022). È quanto comunica l'Istituto nella sintesi della relazione conclusiva dell'andamento produttivo del 2023 accompagnata dai flussi di cassa. Un bilancio estremamente positivo quello dell'Istituto che nel 2023 raggiunge appieno l'obiettivo posto rispetto alla generazione di "Valore Pubblico", ovvero l'accrescimento del benessere sociale ed economico che l'azione dell'Inps determina nel contesto nazionale.

Le iniziative introdotte, in linea con le politiche del Governo di incentivo al lavoro e di contrasto all'evasione contributiva, – sottolinea l'Inps in una nota – hanno prodotto eccellenti risultati, quali un aumento del 4% dei contributi complessivi rispetto all'anno precedente, per un totale di 214,6 miliardi e un miglioramento significativo dell'indicatore dell'efficacia economica finanziaria della produzione.

Particolarmente positivi l'esito delle attività di sistemazione dei conti assicurativi individuali e la gestione del contenzioso.

Il livello di produttività dei dipendenti ha superato l'obiettivo atteso ed è stato più alto di quello, già positivo, del 2022, facendo registrare un +11,5% rispetto allo standard. Un risultato – spiega l'Inps – ottenuto soprattutto grazie alla professionalità e all'impegno di tutto il personale ma anche agli effetti virtuosi dell'introduzione dell'Intelligenza Artificiale e dell'avanzamento della digitalizzazione che hanno ridotto i tempi di lavorazione e incrementato l'efficienza. A titolo esemplificativo: l'automazione della lavorazione delle NASPI ha consentito di liquidare entro 15 giorni l'82% delle istanze (il 4% in più rispetto al 2022).

Inoltre, la tecnologia ha reso più semplice l'accesso ai servizi, come – si legge nella nota – testimonia il significativo aumento del numero di utenti, anche di fascia di età più elevata, che nel 2023 hanno utilizzato servizi on line: 58 milioni sono gli accessi con proprio SPID, CIE o CNS di persone over 65 anni, 17 milioni in più rispetto al 2022.

"Questi dati testimoniano una capacità realizzativa costante della tecnostruttura INPS che si affianca a quella progettuale e di sviluppo al servizio dei cittadini" ha commentato il Direttore Generale dell'INPS, Vincenzo Caridi –. Si tratta di un'azione nell'interesse delle fasce più deboli della popolazione e finalizzata a un salto di qualità del Welfare pubblico. Grazie al PNRR sono stati infatti introdotti più di 100 servizi e formate le competenze digitali di oltre 13.000 dipendenti, strutturando anche per il prossimo futuro una filiera stabile di innovazione".



Condividi
```