Facebook Pixel
Milano 14-giu
0 0,00%
Nasdaq 14-giu
19.659,8 +0,42%
Dow Jones 14-giu
38.589,16 -0,15%
Londra 14-giu
8.146,86 -0,21%
Francoforte 14-giu
18.002,02 -1,44%

"Inflazione si sta stabilizzando", i possibili scenari: l'analisi di Generali Asset Management

BCE probabile no ulteriori tagli oltre giugno: il commento di Mauro Valle, Head of Fixed Income, di Generali Asset Management

Economia
"Inflazione si sta stabilizzando", i possibili scenari: l'analisi di Generali Asset Management
(Teleborsa) - Gli ultimi dati sull'IPC (Indice prezzi al consumo) in euro "confermano che l'inflazione si sta stabilizzando; anche l'inflazione core continua a muoversi verso il basso, come previsto, anche se un po' meno del previsto (2,7 contro il 2,6 atteso; 2,9 il mese scorso)".

E' il commento di Mauro Valle, Head of Fixed Income, di Generali Asset Management il quale sottolinea che "questi dati, insieme a quelli positivi di oggi sul PIL del primo trimestre, sia in Germania (+0,2) che nell'Eurozona (+0,3), aumentano le probabilità che la BCE non si impegni in anticipo a effettuare ulteriori tagli oltre giugno. Anche una posizione più prudente della FED sulle prossime decisioni di politica monetaria sarà un fattore da considerare per i membri della BCE.

"Continuiamo a prevedere tre tagli della BCE entro dicembre, ma il percorso futuro dei tassi ufficiali è ora più legato allo scenario economico del prossimo mese", conclude l'esperto.

"Al momento, non sono ancora del tutto convinto che l'inflazione ritornerà effettivamente al livello target in modo tempestivo e duraturo. L'inflazione di fondo rimane elevata, soprattutto quella nel settore dei servizi. Spinta dalla continua e forte crescita salariale, è più persistente dell'inflazione dei beni", ha affermato Joachim Nagel, presidente della Bundesbank e quindi membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE), in un discorso a Berlino non più di qualche giorno fa.

"Entro giugno ne sapremo molto di più, ad esempio sulla crescita dei salari nel primo trimestre - ha spiegato - E questi dati confluiranno in nuove proiezioni. Se contribuissero ad aumentare la nostra fiducia in un ritorno tempestivo e duraturo al 2%, sarei favorevole ad un taglio dei tassi a giugno".
Condividi
```