Facebook Pixel
Milano 12-lug
0 0,00%
Nasdaq 12-lug
20.331 +0,59%
Dow Jones 12-lug
40.001 +0,62%
Londra 12-lug
8.253 +0,36%
Francoforte 12-lug
18.748 +1,15%

Lollobrigida, trasparenza e valorizzazione: il ruolo chiave del settore agroalimentare italiano

Agroalimentare, Economia
Lollobrigida, trasparenza e valorizzazione: il ruolo chiave del settore agroalimentare italiano
(Teleborsa) - "Tutto ciò che è trasparente, per quanto ci riguarda, serve da una parte ad informare le persone che acquistano e consumano, dall'altra a valorizzare il grande lavoro di qualità che fanno in Italia i nostri produttori e trasformatori, che hanno la capacità di rendere più sicuri e qualitativamente più elevati i loro prodotti ed è per questo che la trasparenza può servire ad aumentarne ancor di più i valori sui mercati nazionali ed internazionali". Lo ha detto il ministro dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida, rispondendo al question time al Senato, a una interrogazione sull'etichettatura trasparente delle carni in relazione alle condizioni di trattamento degli animali.

Il ministro ha quindi ricordato che per questo il Governo contrasta "qualsiasi tipo di etichettatura condizionante non informativa, come il Nutri-score; non lo facciamo da oggi e non lo facciamo da soli", ha detto. Infine, ha ricordato il Sistema di qualità nazionale zootecnia e il Sistema di qualità nazionale dedicata al tema specifico del benessere animale. "Ad oggi hanno aderito al Sistema di qualità nazionale zootecnia oltre 6.000 operatori. Si tratta però di un processo virtuoso, ma che è su base volontaria e che intendiamo sostenere in ogni modo, dando la possibilità di verificare, specie sulla filiera delle carni, l'uso o l'abuso di prodotti come gli antibiotici", ha specificato il ministro.

Per quanto riguarda l'interrogazione sui recenti interventi normativi urgenti in materia agricola dopo l'approvazione in Cdm del decreto Agricoltura, al Senato, il ministro ha ribadito che "L'atteggiamento del Governo è che agricoltura e pesca sono irrinunciabili, li difendiamo dal primo giorno in tutte le sedi di carattere internazionale, a iniziare dall'Unione Europea".

Il ministro ha quindi ricordato le misure previste nel decreto, come la moratoria di un anno per le imprese agricole e della pesca sui debiti contratti se hanno superato una riduzione del 20% del volume di affari. O i fondi per filiere in difficoltà come quella del kiwi o quelli per le aziende vitivinicole colpite da peronospora o dalla flavescenza dorata della vite. "Speriamo che in fase di conversione del decreto ci sia la possibilità di ampliare questi interventi", ha concluso Lollobrigida.


Condividi
```