Facebook Pixel
Domenica 28 Novembre 2021, ore 03.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La Serbia scongiura il default con tagli agli stipendi pubblici

Economia ·
(Teleborsa) - La Serbia va avanti sul sentiero dell'austerity, in vista dell'approvazione oggi delle nuove misure predisposte dal Governo per il risanamento del bilancio pubblico, anche se un portavoce ha anticipato ieri che sarà compreso anche un taglio agli stipendi dei dipendenti pubblici.



L'ex Primo Ministro Aleksandar Vucic ha preannunciato che si sta valutando una riduzione degli stipendi del 10% o più nel pubblico impiego, nel tentativo di reperire le risorse indispensabili ad evitare lo stato di insolvenza ed il default, con relativo downgrade dei titoli di stato.

La Serbia continua a soffrire per una disoccupazione alle stelle, con circa un quarto della forza lavoro a spasso.

"Lo Stato è quasi in bancarotta, ma faremo tutto il nostro meglio per prevenite l'insolvenza", ha assicurato Vucic in TV, confermando che le misure al vaglio saranno certamente "impopolari" e riguarderanno fra le 300 mila e le 500 mila persone. Una vasta porzione in un Paese che conta 7,2 milioni di abitanti.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.