Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 22 Aprile 2018, ore 04.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Siria, Gentiloni: "Italia non è neutrale, coerente alleato USA"

Informativa alla Camera del presidente del Consiglio: inacettabile l'uso di armi chimiche

Politica ·
(Teleborsa) - "L'Italia non è un Paese neutrale, che sceglie di volta in volta con chi schierarsi tra l'alleanza atlantica e la Russia: è un coerente alleato degli Stati Uniti e non di questa o quella amministrazione americana. E' una scelta di campo, è la nostra scelta di campo".

A dirlo è il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni nell'informativa in Aula alla Camera sui recenti sviluppi della situazione in Siria, che definisce inaccettabile l'uso di armi chimiche. "Credo che non possiamo accettare che si torni a 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale che si torni a legittimare l'uso della armi chimiche, non possiamo accettarlo".

La risposta del 14 aprile da parte di USA, Francia e Gran Bretagna - aggiunge il premier - è stata "una risposta motivata, mirata e circoscritta. Non ci sono indicazioni di vittime civili né indicazioni di danni collaterali" il che dimostra che "la risposta è stata coordinata con attori presenti per scongiurare vittime civili".

"Sfidiamo la Russia a contribuire con Stati Uniti, Iran, Europa alla soluzione negoziale a questa situazione. Il ruolo della Russia è fondamentale, bisogna farlo ora" - continua Gentiloni -. "La Russia deve essere sfidata sul terreno del contributo a questo negoziato perché non ha nessun interesse a fare il gioco di Bashar al Assad. Noi abbiamo chiarito agli alleati la nostra contrarietà a una escalation e l'impossibilità di giungere alla fine del conflitto solo con l'uso della forza e l'idea di cacciare manu militari il dittatore Assad".

Il presidente del Consiglio riferirà sulla Siria anche all'Aula del Senato, alle ore 18.00.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.