Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 9 Dicembre 2018, ore 21.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Chiamparino preoccupato per ipotesi trasferimento controllori di volo da Caselle a Linate

Il presidente della Regione Piemonte si è rivolto ai ministri dei Trasporti, Danilo Toninelli, dell’Economia, Giovanni Tria, e all’Amministratore Delegato dell’Enav, Roberta Neri, per chiedere di riconsiderare il piano di riorganizzazione della Società Enav, che riguarda l’aeroporto di Torino

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, si è rivolto ai ministri dei Trasporti, Danilo Toninelli, dell’Economia, Giovanni Tria, e all'Amministratore Delegato dell'Enav, Roberta Neri, per chiedere di riconsiderare il piano di riorganizzazione della Società Enav, che riguarda l'aeroporto di Caselle.

Chiamparino fa riferimento all'ipotesi di trasferire all'aeroporto di Milano Linate i controllori di volo di Caselle addetti al servizio di controllo di avvicinamento radar. Una decisione che – secondo il governatore piemontese - porta con sé una forte preoccupazione per l’impoverimento di professionalità e il depotenziamento che genererebbe in una struttura strategica come l’aeroporto torinese. “Non mi riferisco soltanto all'impatto sui voli commerciali e su quelli privati – scrive Chiamparino - ma anche all'importanza del servizio di controllo di avvicinamento radar per i voli dell’elisoccorso organizzato dalla Regione Piemonte, per gli apparecchi delle forze dell’ordine e dei Vigili del fuoco, per i voli sperimentali del polo dell’aerospazio torinese, una punta di diamante strategica non solo per il Piemonte. Il radicamento dei controllori nel loro servizio verso questi soggetti non appare facilmente replicabile in altri aeroporti, con altro personale". "Di fronte a questi rischi concreti procedere nel piano sarebbe un errore - conclude il presidente - Per questo sono disponibile ad un incontro nelle forme e nei tempi che voi vorrete indicarmi, in modo da approfondire il tema e trovare una soluzione che non penalizzi il centro aeroportuale di Caselle".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.