Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 18 Febbraio 2019, ore 09.35
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Unicredit, UBI e BPM ben sopra i requisiti patrimoniali stabiliti dalla BCE

La Banca Centrale Europea ha comunicato i requisiti patrimoniali a conclusione del processo annuale di revisione e valutazione prudenziale

Finanza ·
(Teleborsa) -

UniCredit è stata informata dalla Banca Centrale Europea (BCE) circa la decisione finale riguardante i requisiti patrimoniali a conclusione del Processo annuale di Revisione e Valutazione Prudenziale "Supervisory Review and Evaluation Process – SREP". L'istituto di credito con base Milano dovrà rispettare i seguenti requisiti patrimoniali su base consolidata a partire dal 1° marzo 2019: - 10,07% CET1 ratio, - 11,57% Tier 1 ratio, - 13,57% Total Capital ratio.

La banca milanese comunica di essere posizionata ben al di sopra di tali livelli. Al 31 dicembre 2018, i coefficienti patrimoniali di UniCredit su base consolidata sono: - 12,13% CET1 ratio transitorio (12,07% su base fully loaded), - 13,64% Tier 1 ratio transitorio, - 15,80% Total Capital ratio transitorio.

Stesso scenario per UBI Banca. Al termine dello SREP, la BCE ha stabilito che, per il 2019, il Gruppo di Bergamo dovrà rispettare, a livello consolidato:
- un requisito minimo di CET1 pari al 9,25% fully loaded, in crescita rispetto al 2018 esclusivamente per effetto dell’entrata a regime del Capital Conservation Buffer1. Il requisito minimo è il risultato della somma tra Capitale Regolamentare Minimo di Pillar 1 (4,5%), requisito di Pillar 2 (2,25%) e Capital Conservation Buffer (2,50%).

- un requisito minimo di Total SREP Capital Requirement pari al 10,25%, invariato rispetto al 2018 (risultato della somma tra Capitale Regolamentare Minimo di Pillar 1 (8%) e requisito di Pillar 2 (2,25%)).

Aggiungendo il Capital Conservation Buffer del 2,50%, si perviene a un requisito minimo in termini di Total Capital Ratio di Vigilanza del 12,75%.

Al 31 dicembre 2018, con un CET1 Ratio phased in dell’11,70% e fully loaded dell’11,34% e un Total Capital Ratio phased in del 13,80% e fully loaded del 13,44%, il Gruppo si posiziona ben al di sopra dei requisiti minimi richiesti.

Relativamente al Banco BPM, la BCE ha determinato per il 2019 i seguenti requisiti prudenziali su base consolidata:
- 9,25% Common Equity Tier 1 ratio
- 10,25% Total SREP Capital requirement
- 9,31% Tier 1 ratio
- 12,81% Total Capital ratio

Il Gruppo Banco BPM supera ampiamente tali requisiti prudenziali, avendo al 31 dicembre 2018 i seguenti coefficienti patrimoniali effettivi:
- 12,1% Common Equity Tier 1 ratio (phased-in)
- 12,3% Tier 1 ratio (phased-in)
- 14,7% Total Capital ratio (phased-in)

Positiva la reazione dei titoli in Borsa, con Unicredit in rialzo dello 0,63%, UBI dell'1,93% e Banco BPM del 4,84%.




Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.