Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 19 Febbraio 2019, ore 07.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bankitalia, l'Ue fa muro e ne difende compatta l'indipendenza

Sulla stessa linea di Dombrovskis anche Centeno e Moscovici. E Salvini abbassa i toni "troveremo un accordo in Cdm"

Economia ·
(Teleborsa) - L'Europa difende, compatta, l'indipendenza di Bankitalia. Dopo le dichiarazioni rilasciate, ieri, dal vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, secondo il quale l'indipendenza delle banche centrali e delle istituzioni finanziarie è un principio che "è importante preservare", si sono schierati sulla stessa linea anche il presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno e il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici.

"Voglio sottolineare l'impegno che tutti abbiamo come ministri dell'economia di preservare l'indipendenza delle banche centrali nazionali, la coerenza e l'integrità dell'eurosistema" ha sottolineato Centeno in merito alle critiche a Bankitalia da parte del Governo italiano.

"Non intendo commentare le dichiarazioni dei politici, dei parlamentari o dei membri di un governo una cosa però è chiara: l'indipendenza della Banca centrale va assolutamente rispettata" gli ha fatto eco Moscovici aggiungendo che "si tratta di un aspetto che fa parte del funzionamento della zona euro va al cuore delle nostre democrazie liberali". Un punto chiave che, secondo Moscovici, è necessario "reiterare senza nessuna esitazione".

Affermazioni che fanno seguito alle parole del ministro dell'Economia Giovanni Tria, non allineato alla posizione di Governo e convinto che l'autonomia di Via Nazionale, in quanto istituzione del Paese e dell'Europa, vada difesa. La querelle sui vertici, tuttavia, sembra destinata a spegnersi progressivamente con il vicepremier Matteo Salvini che ha iniziato a utilizzare toni più accondiscendenti. "Non conosco Signorini – ha affermato il ministro dell'Interno – ma troveremo un accordo in Cdm. È chiaro che qualcosa va cambiato, non necessariamente qualcuno ma almeno qualcosa". Per Salvini "Bankitalia deve essere indipendente, ma indipendenza – ha puntualizzato – non può far rima con irresponsabilità". Dal Movimento 5 Stelle il sottosegretario agli Affari regionali, Stefano Buffagni, si dice anche lui convinto che l'indipendenza sia "fondamentale", pur mostrandosi ancora pronto a sostenere la necessità di un segnale di discontinuità che non faccia diventare Via Nazionale "un club".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.