Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 26 Maggio 2019, ore 21.11
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Allarme Xylella, EFSA: "Non c'è cura, tutta l'Ue è a rischio"

Confagricoltura: controlli, eradicazione e ricerca per sconfiggerla

Economia ·
(Teleborsa) - "Non esiste ancora una cura in grado di eliminare il batterio vegetale della Xylella Fastidiosa" che minaccia da tempo non solo i Paesi sul Mediterraneo ma anche l’intero territorio dell’Ue. A lanciare l'allarme è l'EFSA, l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare.

Lo studio, reso noto nella giornata di oggi, mercoledì 15 maggio, fornisce spunti e conclusioni per il controllo dei focolai infettivi e per la prevenzione di una sua ulteriore diffusione nell'Ue ma mette in evidenza appunto che allo stato attuale "non esiste ancora un modo conosciuto per eliminare il batterio da una pianta malata in reali condizioni di campo", inoltre che le cosiddette "zone cuscinetto di dimensioni diverse per controllare un'area infetta abbia un’efficacia relativa".

IL BATTERIO KILLER - La Xylella Fastidiosa è una minaccia per tutta l'olivicoltura mediterranea ed europea, i trattamenti sperimentati in questi anni possono ridurre i sintomi, ma non eliminano il batterio e quindi l'applicazione tempestiva delle misure di controllo Ue resta l'unico modo per fermare la malattia.

Confagricoltura: controlli, eradicazione e ricerca per sconfiggerla - "Ha ragione l'Efsa, non bisogna abbassare la guardia e serve un impegno straordinario di tutti per arginare questo male endemico che ha già pesantemente compromesso l'olivicoltura pugliese - ha commentato in una nota Pantaleo Greco, Presidente della Federazione nazionale Olivicola di Confagricoltura.

"Abbiamo sempre sostenuto che è fondamentale la lotta alla diffusione della malattia, con il controllo costante e la distruzione delle piante contaminate, nonchè di qualunque altro materiale possa essere veicolo di diffusione di organismi nocivi. Le zone cuscinetto vanno ampliate e non ridotte e le eradicazioni vanno praticate entro al massimo 30 giorni dalla scoperta dell'albero infetto. Altrettanto indispensabile è la ricerca scientifica", ha proseguito Greco.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.