Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 6 Dicembre 2019, ore 01.19
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'UE avverte l'Italia su fogne e depuratori

Il Ministro Costa: "Ampliati i poteri al commissario alle acque. Siamo sulla buona strada"

Ambiente, Economia ·
(Teleborsa) - All'interno della seconda fase della procedura di infrazione, Bruxelles ha inviato all'Italia un parere motivato in merito alla non adeguatezza di molti sistemi di raccolta e trattamento delle acque di scarico urbane. Gli agglomerati sarebbero 237 in 13 regioni e interesserebbero oltre 2000 cittadini. Le regioni più a rischio sarebbero Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e Toscana.

Sul capitolo acque reflue l'Italia sta subendo anche altre tre procedure di infrazione: una di queste ha già portato la Corte Ue a condannare il nostro Paese a pagare una multa di 25 milioni di euro, più 30 milioni per ogni semestre di ritardo nella messa a norma di oltre settanta centri urbani o aree sprovvisti di reti fognarie e adeguati depuratori.

Il Ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha commentato: "È stata approvata nella legge Sblocca Cantieri la norma che amplia i poteri del commissario alle acque, secondo il modello già funzionante per le discariche, dove la Commissione europea sta scomputando le procedure. Anche su questo, quindi, siamo sulla buona strada."
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.