Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 17.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Condizionatori, le linee guida per risparmiare in bolletta

Per combattere il caldo estivo molti italiani si affidano al condizionatore, ma il salasso è dietro l’angolo. Facile.it offre una serie di consigli per abbassare i costi

Economia ·
(Teleborsa) - Sempre più italiani, all'interno delle proprie abitazioni, per ovviare al problema del caldo installano condizionatori o ventilatori aumentando a dismisura i propri consumi energetici e i relativi costi in bolletta. Secondo le stime di Facile.it, il costo energetico per rinfrescare l'abitazione può far lievitare il peso della bolletta annua anche del 28%: il consumo medio è pari a circa 3.000 kWh l'anno, pari a circa 640 euro di regime tutelato, con un condizionatore, la spesa arriva ad essere di 817 euro, 177 in più.

Alcuni consigli per risparmiare: scegliere un condizionatore ad alta efficienza, di classe A, A++ e A+++ che garantiscono minori consumi energetici e consentono di ridurre la spesa in bolletta; evitare temperatura "polari", quindi usare la funzione di deumidificazione, piuttosto che quella di rinfrescamento che porta a ridurre i costi fino al 13%; utilizzare un vecchio condizionatore per stabilizzare la temperatura raggiunta o abbassare le tapparelle per raggiungere in meno tempo la temperatura ideale.

Utilizzare il condizionatore senza chiudere porte o finestre può incidere sino al 6% sui consumi, in quanto l'ambiente non subirà subito il raffreddamento richiesto, così come programmare la temperatura corretta di notte si possono ridurre i consumi fino al 10%. Mantenere pulito l'impianto di condizionamento, quindi farlo lavorare alla sua massima potenza, può ridurre il consumo energetico sino all'8%. Importante anche la tariffa energetica scelta, con un passaggio al mercato libero che potrebbe abbattere la bolletta fino al 15%, ma occhio anche all'acquisto di altri elettrodomestici: se si acquista, ad esempio, un frigorifero di classe A+++ si può usufruire una detrazione IRPEF del 50%, oltre ad un risparmio fino al 50% di consumi.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.