Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 12 Novembre 2019, ore 09.05
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dazi USA, una dote per il tesoro americano di oltre 7 miliardi

E' quanto emerge da una analisi condotta da Trade Partnership per "Tariffs Hurt the Heartland"

Economia ·
(Teleborsa) - Gli Stati Uniti hanno incassato oltre 7 miliardi a settembre dai dazi sulle importazioni, che vanno a rimpinguare le casse del Tesoro americano, ma risultano molto deleterie per aziende importatrici e consumatori.

E' quanto emerso da "Tariffs Hurt the Heartland", una campagna lanciata da aziende americane che operano nell'import-export e si oppongono fortemente alla politica protezionistica voluta dal Presidente americano Donald Trump.

L'analisi, effettuata dalla società di consulenza economica Trade Partnership su dati ufficiali del Dipartimento del Commercio americano, mette in luce che le tasse sulle importazioni sono così aumentate di 600 milioni (+9%) rispetto ad agosto e del 59% rispetto all'anno prima, a causa dei dazi imposti dal 1° settembre sui prodotti di elettronica e altri beni di consumo provenienti dalla Cina.

Considerando solo i dazi al 15% sui beni di largo consumo cinesi, scattati a settembre, si rileva un gettito di 4,1 miliardi di dollari, mentre valevano appena 1,4 miliardi di dollari a settembre 2018, quindi questo significa che sono praticamente triplicati in un anno.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.