Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 28 Gennaio 2020, ore 01.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Riforma MES, Conte: "Non introduce automatismi su debito. Italia non ha nulla da temere"

Lo ha detto il Premier nell'informativa alle Camere in vista del prossimo Consiglio europeo

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Il Premier Giuseppe Conte, in Parlamento, chiarisce la posizione del Governo sul MES, il Fondo salva stati europeo, in fase di revisione. "La revisione del trattato sul MES non apporta modifiche sostanziali e, in particolare, non introduce alcun automatismo nella ristrutturazione del debito di uno Stato", ha ribadito nell'informativa alle Camere in vista del Consiglio europeo del prossimo 12 e 13 dicembre .

Conte ha anche confermato che l'Italia non è favorevole a restrizioni nella detenzione di titoli di stato da parte delle banche né alla ponderazione del rischio degli stessi.

"L'Italia non ha nulla da temere", ha detto Conte, "perché il suo debito è pienamente sostenibile, come dimostrano le valutazioni delle principali istituzioni internazionali, inclusa la Commissione, e come confermano i mercati".

Il Premier ha però avvertito che "un dibattito portato avanti in modo molto confuso rischia di indurre il sospetto, nei mercati e nelle istituzioni internazionali, che siamo noi stessi a dubitare dell'impegno assunto di mantenere il debito su un sentiero di piena sostenibilità". E poi aggiunge che "bisogna stare attenti a insinuare dubbi e paure nei cittadini italiani", avvertendo che, se il reale obiettivo del dibattito pubblico è quello portare fuori l'Italia dall'Eurozona "converrebbe chiarirlo in modo esplicito".

Conte ha richiamato il ruolo centrale del Parlamento per quanto concerne le questioni europee, affermando "ho reputato e reputo indispensabile continuare a informare puntualmente il Parlamento, personalmente e tramite i ministri, in tutte le occasioni in cui l'Italia sarà chiamata a esprimere nelle sedi UE la propria posizione". "La posizione del Governo in sede europea - ha chiarito - sarà sempre coerente con gli indirizzi definiti dalle Camere".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.