Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 28 Gennaio 2020, ore 11.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Redditi, Eurostat: cresce divario tra ricchi e poveri in Italia

Il 20% più ricco della popolazione ha entrate di 6 volte superiori del 20% più povero. La forbice tocca punte record in Campania e Sicilia

Economia ·
(Teleborsa) - E' decisamente un triste primato quello che il rapporto Eurostat consegna all’Italia, il peggiore tra gli Stati europei più popolosi per differenza di reddito tra ricchi e poveri.

Nel nostro Paese, infatti, il 20% più ricco della popolazione ha entrate di 6 volte superiori del 20% più povero. Una notizia a dir poco preoccupante, anche in considerazione del fatto che nell’ultimo decennio la forbice si è allargata: la differenza era di 5,21 volte nel 2008, è diventata di 6,09 volte nel 2018. Germania a 5,07, Francia a 4,23, Regno Unito a 5,95 e Spagna a 6,03 in netto calo sull’anno precedente.

Dal Rapporto emerge anche una differenza tra il Nord e il Sud. Il minor divario tra ricchi e poveri si registra in Regioni come Friuli Venezia Giulia (4,1) e Provincia di Bolzano (4), mentre la forbice tocca punte record in Campania e Sicilia dove il 20% benestante ha un reddito 7,4 volte superiore al quintile più disagiato.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.