Mercoledì 25 Novembre 2020, ore 00.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Via al piano vaccini, Regioni e Asl devono trovare le strutture per la somministrazione

Entro il 23 novembre, dovranno comunicare i presidi ospedalieri e le Rsa scelti, secondo il piano del Commissario Arcuri

Economia, Salute e benessere ·
(Teleborsa) - È partito l'iter burocratico e logistico per far sì che a fine gennaio i primi italiani ricevano il vaccino contro la Covid-19. Ieri il Commissario per l'Emergenza, Domenico Arcuri, ha inviato ai presidenti delle Regioni, e per conoscenza ai ministri della Salute e degli Affari Regionali, il piano per i vaccini anti-Covid.



Il documento prevede una prima scadenza ravvicinata: entro il 23 novembre, le regioni dovranno inviare una tabella con numero e denominazione di presidi ospedalieri e Rsa scelti per la somministrazione delle prime dosi. Per ognuno deve essere indicato i numeri totali del personale sanitario e non, oltre al personale operante sul territorio e in grado di raggiungere il presidio entro 30-60 minuti. I presidi ospedalieri scelti dovranno essere in condizione di vaccinare almeno 2.000 persone (o più persone ma con multipli di 1.000) in 15 giorni e avere la disponibilità al loro interno di congelatori che permettono temperature fino a -75 gradi, e il relativo volume di spazio disponibile. Solo in un secondo momento partirà una campagna di vaccinazione su larga scala con i drive-through.

Nella comunicazione si fa riferimento, in particolare, al vaccino di Pfizer, che se manterrà le promesse permetterà all'Italia di poter contare, a fine gennaio, su 3,4 milioni di dosi da somministrare a 1,7 milioni di persone. Il vaccino può essere tenuto per 15 giorni dalla consegna nelle borse di conservazione del fornitore, per 6 mesi in celle frigorifere a temperatura di -75 (+/- 15) gradi. Le caratteristiche di somministrazione prevedono inoltre che il vaccino venga utilizzato al massimo entro 6 ore dall'estrazione dalle borse e o dalla cella di conservazione: ogni fiala contiene cinque dosi.

La sfida sarà organizzare una distribuzione rapida, in modo che i vaccini siano somministrati entro le 6 ore di estrazione dalle celle di conservazione, in quanto i congelatori a meno 75 gradi sono solitamente una prerogativa dei grandi ospedali e di laboratori altamente specializzati. Inoltre, non risulterebbero ancora gare bandite per l'acquisto di siringhe, fondamentali per somministrare milioni di dosi, secondo quanto scrive Il Foglio, che che riporta le osservazioni di Fernanda Gellona, direttore generale di Confindustria Dispositivi medici: "Sulle siringhe rischiamo di ritrovarci come con le mascherine o i banchi scolastici".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.