Facebook Pixel
Milano 17:35
32.665,21 -2,81%
Nasdaq 21:04
19.645,9 +0,35%
Dow Jones 21:04
38.574,96 -0,19%
Londra 17:35
8.146,86 -0,21%
Francoforte 17:35
18.002,02 -1,44%

Mercati, UE presenterà a dicembre nuove regole per facilitare la quotazione

Finanza
Mercati, UE presenterà a dicembre nuove regole per facilitare la quotazione
(Teleborsa) - A dicembre l'Unione europea presenterà il Listing Act, un nuovo set di regole sulla quotazione in Borsa per migliorare l'accesso ai mercati dei capitali per le aziende. "Il Listing Act da solo non invertirà la tendenza negativa per le offerte pubbliche iniziali, perché la decisione di quotarsi è complessa e ci sono molti fattori al di fuori del controllo dell'autorità di regolamentazione. Tuttavia, renderà la quotazione più semplice e meno onerosa, in particolare per le società più piccole". Lo ha detto Mairead McGuinness, Commissario europeo per i servizi finanziari, durante un evento organizzato dall'Associazione per i mercati finanziari in Europa (AFME). L'organizzazione ha pubblicato oggi un rapporto che evidenzia come il divario europeo in termini di capitale di rischio è cresciuto ulteriormente rispetto Stati Uniti e Regno Unito.

"Le imprese dell'UE non stanno sfruttando al meglio il potenziale di finanziamento offerto dai mercati dei capitali - ha affermato McGuinness - Dopo due anni da record, la raccolta basata sul mercato, e in particolare il numero di IPO, si è nuovamente indebolita nella prima metà di quest'anno. Ciò è simile a quanto accaduto sui mercati dei capitali di Stati Uniti e Regno Unito e riflette l'attuale clima economico. Ma questo indicatore evidenzia la necessità di agire in questo settore".

Le controparti centrali

Un'altra proposta che sarà avanzata il mese prossimo è quella per attirare un maggior numero di compensazioni di derivati in euro da Londra. "La capacità di compensazione centrale è una dimensione importante dell'infrastruttura dei mercati dei capitali, ma dipendiamo ancora troppo dai partiti centrali al di fuori dell'Unione europea -ha spiegato la funzionaria - È anche una questione di stabilità finanziaria: perché nell'improbabile caso che qualcosa vada storto, non saremmo al posto di guida delle decisioni".

"Vogliamo quindi aumentare l'attrattiva della compensazione nell'UE, sostenere lo sviluppo delle infrastrutture e riformare i dispositivi di vigilanza", ha spiegato.

Il sistema di ritenuta fiscale

La Commissaria irlandese ha poi annunciato anche una serie di provvedimenti su cui l'UE presenterà delle proposte il prossimo anno. Tra queste c'è lo snellimento del sistema di ritenuta fiscale sugli investimenti che gli investitori hanno al di fuori del loro Stato di origine nel blocco.

"In questo momento, gli investitori sostengono costi elevati, ricevono rimborsi in ritardo o addirittura rinunciano del tutto al diritto al rimborso, che di fatto è una doppia imposizione - ha detto - Qui ci faremo avanti con azioni legislative mirate sulle procedure di ritenuta d'acconto nella prima metà del 2023". McGuinness ha anticipato che non sarà facile, perché le iniziative fiscali richiedono l'unanimità in seno al Consiglio.

Gli investitori retail

Un altro focus sarà sugli investitori retail. "Qui stiamo lavorando a una strategia di investimento al dettaglio molto ambiziosa da pubblicare il prossimo anno - ha affermato - Le questioni che stiamo esaminando includono le regole su come vengono distribuiti i prodotti finanziari, sui consulenti finanziari e su quali informazioni ricevono gli investitori, in particolare in un ambiente digitale".
Condividi
```