Facebook Pixel
Martedì 7 Febbraio 2023, ore 07.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Asili nido, PNRR: Upb, rischio debolezze restino irrisolte

Un numero consistente di Comuni non ha, infatti, partecipato ai bandi

Economia ·
(Teleborsa) - Nonostante le ingenti risorse destinate dal PNRR agli asili nido nella fascia di età 0-3 anni, "parte delle debolezze strutturali che caratterizzano l'offerta del servizio potrebbero restare irrisolte". Lo scrive l'Ufficio parlamentare di bilancio in un Focus dedicato al Piano asili nido e scuole dell'infanzia.




Un numero consistente di Comuni con offerta assente o marginale non ha, infatti, partecipato ai bandi previsti per l'assegnazione delle risorse. Anche se la loro mancata adesione "non avrà ripercussioni né sul target proprio del Pnrr né sugli obiettivi di Barcellona (perché non valutati a livello di singolo Comune)", potrebbe però "impedire a questi enti di raggiungere il Livello essenziale di prestazione sociale (Leps) introdotto con la legge di bilancio per il 2022".

Tale livello - spiega ancora l'Upb - prevede che in ciascun Comune o bacino territoriale sia garantito un numero di posti (incluso il servizio privato) - equivalenti in termini di costo standard al servizio a tempo pieno dei nidi - pari al 33 per cento della popolazione compresa tra 3 e 36 mesi. L'Upb invita infine a considerare che la riapertura dei bandi, resasi necessaria per consentire una maggiore adesione degli Enti, "ha determinato un ritardo nell'inizio delle fasi successive a quelle di chiusura degli stessi. Tale slittamento richiede che l'aggiudicazione dei lavori avvenga in tempi più rapidi di quelli recentemente stimati in un lavoro congiunto dell'Upb e dell'Irpet sulla durata delle diverse fasi di realizzazione delle opere pubbliche".

L'investimento previsto dal Pnrr per asili nido, scuole per l'infanzia e servizi di educazione e cura per la prima infanzia è pari a 4,6 miliardi, ricorda l'Upb. Di questa cifra, sono stati messi a bando fra gli enti territoriali 3,7 miliardi, a cui si sono aggiunti 109 milioni stanziati dal ministero dell'Istruzione. Una volta espletati i bandi, le risorse a oggi assegnate ammontano complessivamente a 3,480 miliardi. Rimangono quindi da assegnare 329 milioni. Il Mezzogiorno ha ricevuto il 52,1 per cento delle risorse. Circa la metà dei finanziamenti si è concentrata in Campania (508,2 milioni) e in Puglia (357,6). Tra le regioni del Centro-Nord, invece, i maggiori finanziamenti sono andati a Lombardia (351,4 milioni), Lazio (214,6) e Veneto (198,2).

All'investimento del PNRR sono associati due obiettivi: il primo (un milestone) prevede l'aggiudicazione dei contratti per la costruzione, la riqualificazione e la messa in sicurezza di asili nido e scuole dell'infanzia entro il secondo trimestre del asili nido e scuole dell'infanzia entro il secondo trimestre del 2023; il secondo (un target) prescrive di creare 264.480 nuovi posti tra asili nido e scuole dell'infanzia entro la fine del 2025.

(Foto: davit85 | 123RF)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.