Facebook Pixel
Sabato 24 Febbraio 2024, ore 02.57
Azioni Milano
09 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Lunedì a rischio per chi viaggia in treno: proclamato sciopero otto ore

A subire i maggiori disagi potrebbero essere i pendolari

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Lunedì sotto il segno di possibili disagi per chi viaggia in treno a causa dello sciopero nazionale dei ferrovieri proclamato dai sindacati di base Cub ed Usb che protestano per il rinnovo del contratto.

Lo stop di 8 ore, dalle 9 alle 17, interesserà tutte le imprese del settore, e avrà un impatto non solo su Trenitalia, ma anche su Italo e Trenord. Incroceranno le braccia anche i lavoratori del trasporto merci e quelli di Rfi, la società che si occupa della gestione della rete e delle infrastrutture ferroviarie.

A subire i maggiori disagi potrebbero essere i pendolari che per spostarsi usano i treni locali, mentre per la lunga percorrenza al momento non si prevedono situazioni particolarmente critiche. Trenitalia, infatti, ha fatto sapere in una nota "circoleranno regolarmente le Frecce e gli Intercity di Trenitalia" spiegando però che saranno "probabili limitazioni o cancellazioni dei treni regionali".

Anche Italo mette in guardia da possibili disagi e rallentamenti, e per tenere i viaggiatori informati ha pubblicato come di consueto in questi casi una lista dei treni garantiti. Alla base della protesta la richiesta di "un vero e adeguato rinnovo contrattuale nazionale", come si legge in una nota dell'Usb in cui si ricorda anche la paralisi del trasporto ferroviario che ha di recente riguardato la Germania: "I macchinisti hanno scioperato 6 giorni per le stesse motivazioni, segno che l'attacco padronale è collettivo", sottolineano i sindacati di base.

In mattinata, a Roma, previsto un presidio a piazza della Croce Rossa dove si trova la sede delle Ferrovie di Stato.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.