Facebook Pixel
Milano 24-mag
34.490,71 0,00%
Nasdaq 24-mag
18.808,35 +0,99%
Dow Jones 24-mag
39.069,59 +0,01%
Londra 24-mag
8.317,59 0,00%
Francoforte 24-mag
18.693,37 0,00%

Su TimVision in esclusiva il film evento ‘DallAmeriCaruso. Il concerto perduto’ di Walter Veltroni

Economia
Su TimVision in esclusiva il film evento ‘DallAmeriCaruso. Il concerto perduto’ di Walter Veltroni
(Teleborsa) - Oggi 4 marzo, data di nascita di Lucio Dalla, arriva in anteprima esclusiva su TimVision ‘DallAmeriCaruso. Il concerto perduto’, il film evento di Walter Veltroni prodotto da Nexo Digital e Sony Music. Il docu-film mostra per la prima volta le riprese integrali del concerto al Village Gate di New York del 1986 di Dalla - la cui regia fu curata da Ambrogio Lo Giudice - andate quasi interamente perdute e ora ritrovate, restaurate e rimasterizzate.

‘DallAmeriCaruso. Il concerto perduto’ oltre a far rivivere la musica di quella notte a New York, racconta la nascita di ‘Caruso’, brano, composto a Sorrento e pubblicato il 10 ottobre 1986, tra i più conosciuti e amati non solo della carriera di Dalla, ma dell’intera storia della musica italiana. Il film infatti riporta alla luce una storia d’amore a più strati: quella napoletana di Caruso e quella che lega Dalla a Napoli e Sorrento, ma anche all’America e al jazz, lui che era nato jazzista e che si ritrovò anni dopo a suonare nel tempio del Jazz internazionale di New York.

Nel film troviamo le testimonianze di chi è stato vicino a Dalla i quei giorni: la cantautrice rock e attrice Angela Baraldi con lui a Sorrento, Gaetano Curreri e Ricky Portera degli Stadio che suonarono a New York, i proprietari dell’Hotel Excelsior di Sorrento Guido Fiorentino e Lidia Fiorentino insieme all’ex concierge Antonino Galano e l’allora barista Angelo Leonelli, il critico musicale Gino Castaldo, il regista Ambrogio Lo Giudice, l’autore televisivo Nicola Sisto e Paolo Glisenti, spettatore della serata del Village Gate. A completare il racconto le immagini private e del tutto inedite di Lucio Dalla e l’interpretazione struggente del pianista Danilo Rea.
Condividi
```