Facebook Pixel
Milano 21-mag
34.603,61 -0,64%
Nasdaq 21-mag
18.713,8 +0,21%
Dow Jones 21-mag
39.872,99 +0,17%
Londra 21-mag
8.416,45 -0,09%
Francoforte 21-mag
18.726,76 -0,22%

Verbali BCE: data di un primo taglio dei tassi diventava "più chiaramente visibile"

Finanza
Verbali BCE: data di un primo taglio dei tassi diventava "più chiaramente visibile"
(Teleborsa) - Tutti i membri del Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) hanno concordato con la proposta del capo economista Philip Lane di mantenere invariati i tre tassi di interesse chiave e c'è stato consenso sul fatto che sarebbe "prematuro discutere i tagli dei tassi durante l'attuale incontro". È quanto emerge dai verbali della riunione del 6-7 marzo, durante la quale è stato "invece affermato che era importante avanzare ulteriormente nel processo di disinflazione e accumulare ulteriori prove affinché il Consiglio direttivo fosse sufficientemente fiducioso che l'inflazione sarebbe tornata al livello target in modo tempestivo e sostenibile".

I membri del Consiglio direttivo hanno sottolineato la necessità che la politica rimanga dipendente dai dati e continui a basarsi sugli elementi della funzione di reazione già comunicati. "Sebbene fosse saggio attendere dati e prove in arrivo, le ragioni per prendere in considerazione tagli dei tassi si stavano rafforzando", viene sottolineato.

"Questo si basava sulle ultime proiezioni degli esperti della BCE, sugli ulteriori progressi rispetto ai tre criteri specificati dal Consiglio direttivo nel 2023, su errori di proiezione più contenuti e su una valutazione del rischio più equilibrata, con la data di un primo taglio dei tassi che diventava più chiaramente visibile", si legge nei verbali.

È stato sottolineato che, oltre alle nuove proiezioni relative al personale, il Consiglio direttivo avrà a disposizione molti più dati e informazioni entro la riunione di giugno, soprattutto sulla dinamica salariale. Permangono "dubbi sulla sostenibilità del processo disinflazionistico, in particolare nei servizi e nell'inflazione interna, a causa delle prospettive incerte per la crescita dei salari, la crescita della produttività e i margini di profitto".

I banchieri centrali hanno generalmente concordato sul fatto che la trasmissione della politica monetaria funzionava bene, con meno incertezze sulla forza della trasmissione rispetto a quando i tassi di interesse erano ancora in aumento. "La politica monetaria veniva trasmessa con forza ai mercati finanziari, alle condizioni di finanziamento, alle condizioni di credito e alla domanda aggregata - viene spiegato - Ciò ha contribuito a ridurre l'inflazione, ma ha anche pesato sulla crescita, potenzialmente più di quanto previsto e con effetti misurabili sulle piccole e giovani imprese". È stato ricordato che una parte significativa della trasmissione rimane in cantiere, poiché nei prossimi trimestri si vedrà l'impatto del passato inasprimento continuare a trasmettersi alle condizioni di finanziamento bancario, alle condizioni di finanziamento più ampie, ai volumi di credito e all'economia reale.
Condividi
```