Facebook Pixel
Milano 17:35
34.529 +0,43%
Nasdaq 19:00
19.715 -0,42%
Dow Jones 19:00
40.916 -0,69%
Londra 17:35
8.205 +0,21%
Francoforte 17:35
18.355 -0,45%

Come cambia il ruolo del CFO in azienda: dall'IA alla cyber security

Il 34% usa ancora Excel per redigere un bilancio preconsuntivo. Solo il 21,5% ha sviluppato soluzioni che utilizzino l'IA. Solo il 39,7% ha a disposizione un budget per la digital transformation. Il 60,3% ha considerato i temi ESG nel piano strategico

Economia
Come cambia il ruolo del CFO in azienda: dall'IA alla cyber security
(Teleborsa) - Con l'aumento della complessità delle organizzazioni, è profondamente progredito anche il ruolo del direttore finanziario. Anni di globalizzazione hanno trasformato questa funzione da un focus concentrato sulla parte amministrativa e contabile alla gestione strategica di alto livello, attività di negoziazione e pubbliche relazioni. I direttori finanziari si sono evoluti in perfetti strateghi diventando, a partire dagli anni 2000, una sorta di consulenti aziendali a 360 gradi. Questa evoluzione ha portato i CFO ad essere protagonisti del business e partecipi anche delle decisioni operative, sia di breve che di medio-lungo termine, e non più solo di quelle finanziarie. Ma lo sviluppo continua, e il direttore finanziario sta diventando un partner aziendale fondamentale, caratterizzato da una profonda conoscenza della strategia, un aumento delle competenze di leadership e dall'abilità di comunicare efficacemente le competenze e le conoscenze finanziarie a colleghi di altri ambiti. È quanto emerge dalla "Survey CFO 2024" realizzata da Salone d'Impresa in collaborazione con Andaf Nord Est e ADP Italia – multinazionale americana leader nella gestione del capitale umano – su un campione di aziende per il 92,4% non quotate. L'indagine evidenzia come aziende e CFO siano per molti aspetti ancora in ritardo nell'uso di tecnologie e software, con Excel che risulta ancora tra gli strumenti più utilizzati.

La tecnologia stessa ha cambiato il lavoro e il ruolo del CFO. I dati e la tecnologia stanno fornendo loro maggiori informazioni relative alla produzione, alle catene di fornitura e alle efficienze. I dati, e l'averli sempre aggiornati in modalità "live", possono così aiutare i CFO ad acquisire una prospettiva a 360 gradi sui costi, i benefit e la struttura complessiva della forza lavoro.

Il 90% dei CFO interpellati redige un business plan o un piano strategico, ma il 79,7% predispone perlopiù un piano mensile. La maggioranza adotta un modello di controllo, pianifica sempre il budget aziendale, monitora i KPI e predispone forecast aziendali (bilancio previsionale). Per fare tutto questo, però, il 34% usa ancora Excel.

In generale, solo il 39,7% ha a disposizione un budget per la digital transformation. Ciò incide sull'utilizzo di strumenti innovativi come l'IA, che è stata considerata nel piano strategico solo dal 34,2% degli intervistati, mentre il 58,2% non prevede di farne uso. Solo il 21,5% infatti ha sviluppato soluzioni che utilizzino l'IA: il 35% nell'area sviluppo, il 20% nella produzione, un altro 20% nell'amministrazione finanza e controllo, il 15% nel marketing e il 10% nelle attività di back office. In generale, il 62,8% degli intervistati ritiene che l'uso dell'IA sarà di aiuto per il proprio lavoro, il 55,7% implementerà soluzioni di IA nei prossimi due anni ma solo il 14,1% possiede al momento un budget ad hoc.

Si registrano dei ritardi anche per quanto riguarda i sistemi di sicurezza informatica e pianificazione del business. Il 55,1% ha un sistema di mappatura e gestione dei rischi in azienda, ma solo il 34,6% dispone di un budget ad hoc per la cyber security. Il 52,6% utilizza degli strumenti di business intelligence e analytics presenti per analisi vendite, margini, budget e forecast. Solo il 16,7% possiede strumenti di corporate performance management.

I ritardi non riguardano solo gli aspetti tecnologici, ma anche trend attuali come la sostenibilità. Nonostante il 60,3% abbia considerato i temi ESG nel piano strategico e il 56,4% abbia già iniziato la valutazione dell'impatto ESG, solo il 29,5% ha un "sustainability manager" e solo il 33,3% ha previsto un budget per la sostenibilità (il 51,7% minore o uguale a 50mila, il 31% tra 50 e 200mila, il 17,2% maggiore di 200mila).

"Per far fronte alle nuove sfide, il CFO di oggi – sottolinea Gianfranco Raia, CFO di ADP Italia – deve quindi possedere una padronanza a 360 gradi del business e posizionamento della propria azienda, mostrare una solida conoscenza dei dati finanziari e relativi al capitale umano, essere in grado di comunicare complessi messaggi finanziari, collaborare in maniera efficiente con i direttori HR, i CIO e i CEO. Da sottolineare poi come la tecnologia stessa abbia cambiato il lavoro e il ruolo del CFO. I dati e la tecnologia stanno fornendo loro maggiori informazioni relative alle opportunità di business, al processo di produzione e di approvvigionamento e alle correlate efficienze. I dati possono così aiutare i CFO ad acquisire una prospettiva a 360 gradi sui costi, i benefit e la struttura complessiva della forza lavoro".


Condividi
```