Facebook Pixel
Milano 21-giu
0 0,00%
Nasdaq 21-giu
19.700,43 -0,26%
Dow Jones 21-giu
39.150,33 +0,04%
Londra 21-giu
8.237,72 -0,42%
Francoforte 21-giu
18.163,52 -0,50%

Agenzia delle Entrate, come accedere al bonus per la sostituzione della plastica monouso

Economia
Agenzia delle Entrate, come accedere al bonus per la sostituzione della plastica monouso
(Teleborsa) - L'Agenzia delle Entrate ha ricordato le modalità di utilizzo per le aziende che vogliono utilizzare le agevolazioni previste per la sostituzione della plastica (dalle cannucce per le bibite ai bicchieri monouso). In un articolo pubblicato sulla webzine, FiscoOggi, è tornata ad evidenziare che il bonus spetta, ad esempio, per l'acquisto dei contenitori per alimenti, bicchieri e posate riutilizzabili o realizzati in materiale biodegradabile o/e compostabile.

La misura è stata introdotta con il decreto relativo a firma del ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, di concerto con quelli delle Imprese e del made in Italy e dell'Economia e delle Finanze. Il tax credit è pari al 20% della spesa sostenuta secondo gli scopi della misura fino a un contributo massimo complessivo di 10mila euro per ogni beneficiario ed entro il limite di spesa stanziato pari a 3 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024.

L'Agenzia delle Entrate ha ricordato inoltre che se la "dote" disponibile non è sufficiente a soddisfare le richieste pervenute, l'importo concesso a ciascuna impresa sarà proporzionalmente ridotto rispetto alla spesa sostenuta. Possono accedere all'agevolazione le imprese che oltre a promuovere l'utilizzo dei prodotti sostenibili risultano attive e presenti nel registro delle imprese sono iscritte all'assicurazione generale obbligatoria o alle sue forme esclusive e sostitutive oppure alla gestione separata che non sono destinatarie di sanzioni interdittive né si trovano in altre condizioni previste dalla legge ostative alla fruizione del beneficio e, infine, non sono in stato di liquidazione o soggette a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

Il decreto ha stabilito che la priorità spetta ai costi sostenuti per l'acquisto dei prodotti destinati a entrare in contatto con alimenti. Sono agevolabili in via residuale, se disponibili ancora risorse dopo il soddisfacimento dei tax credit attribuiti per le spese sopra indicate, gli acquisti relativi ai bastoncini cotonati e le aste da attaccare a sostegno dei palloncini, tranne i palloncini per uso industriale o altri usi e applicazioni professionali che non sono distribuiti ai consumatori, e relativi meccanismi.

Le spese devono essere attestate dai professionisti indicati nel decreto, che devono certificare, tra l'altro, anche la tracciabilità dei relativi pagamenti e l'effettivo utilizzo dei prodotti acquistati da parte dell'impresa. Non sono ammissibili ai fini del contributo, le spese per l'acquisto di beni che si configurano unicamente come merce di rivendita operata da imprese del commercio.
Condividi
```