Facebook Pixel
Milano 16:46
34.837,75 -1,58%
Nasdaq 16:46
18.668,16 +0,66%
Dow Jones 16:46
40.041,59 +0,09%
Londra 16:46
8.428,48 +0,10%
Francoforte 16:46
18.762,32 +0,31%

Decreto PNRR è legge, da consultori a Sanità: le novità

Ma è scontro tra maggioranza e opposizioni

Economia
Decreto PNRR è legge, da consultori a Sanità: le novità
(Teleborsa) - Con 95 sì, 68 no e un astenuto passa al Senato - tra le polemiche - il decreto che contiene misure aggiuntive per l'applicazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Il provvedimento, che aveva già ricevuto il via libera dalla Camera il 18 aprile, diventa così legge. Ma lo scontro in Aula è aspro soprattutto su alcune misure come quella che consente alle associazioni Pro-Vita di entrare a pieno titolo nell'organizzazione dei Consultori. Per le senatrici Valeria Valente (Pd) e Alessandra Maiorino (M5S) si tratta, in realtà, di un "attacco bello e buono" alla legge e di "una mano tesa" agli "antiabortisti". E questo, incalza Tino Magni (Avs), "nella convinzione patriarcale che le donne non siano capaci di scegliere liberamente, che non siano capaci di autodeterminarsi".

Il ministro per gli Affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il PNNR, Raffaele Fitto, prova in tutti i modi a difendere il decreto in Aula assicurando che si tratta di un testo sul quale "c'è già stato un ampio confronto in Europa", che contiene "misure" adeguate e che "non toglie 1 euro alla sanità", ma l'opposizione continua ad attaccare "soprattutto sui tempi" ristrettissimi che al Senato sono stati concessi per esaminare il provvedimento.

E mentre la ministra per il Turismo, Daniela Santanché, elogia la "riforma epocale per le guide turistiche" contenuta nel decreto, il segretario della Cgil, Maurizio Landini, presente al presidio organizzato dalla Cgil davanti a Palazzo Madama contro il provvedimento, accusa direttamente il governo "di un disegno autoritario" contro il quale invita tutti "a scendere in piazza".

Terreno di scontro, in particolare, la norma sui consultori: il presidente dell'Udc Antonio De Poli osserva come non sia "un reato aiutare le donne a scegliere la Vita", mentre la senatrice del M5S Ketty Damante non ha dubbi: "Il decreto è solo un modo per il governo di provare a nascondere il totale fallimento nella gestione del Piano".

le Regioni, nell’organizzare i servizi dei consultori, potranno infatti "avvalersi, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, anche del coinvolgimento di soggetti del terzo settore che abbiano una qualificata esperienza nel sostegno alla maternità".

Novità per la sanità con assunzioni più facili con contratti flessibili, da quelli a tempo determinato ai co.co.co.,
con una corsia più semplice per assumere gli specializzandi dal secondo anno in poi senza i paletti del passato.


Condividi
```