Facebook Pixel
Milano 17:35
33.609,85 -2,18%
Nasdaq 18:39
19.507,21 +0,22%
Dow Jones 18:39
38.474,73 -0,61%
Londra 17:35
8.163,67 -0,63%
Francoforte 17:35
18.265,68 -1,96%

Green economy e il ruolo della consulenza aziendale per la sostenibilità

Formare un ecosistema imprenditoriale più responsabile a partire da metodi di gestione d’impresa più sostenibili

Economia
Green economy e il ruolo della consulenza aziendale per la sostenibilità
(Teleborsa) - La Green Economy è diventata un concetto chiave nel mondo degli affari e della politica, e rappresenta un approccio che fonde insieme le esigenze economiche con quelle ambientali. Le aziende stanno sempre più riconoscendo che il passaggio verso un'economia verde non solo è essenziale per il pianeta, ma offre anche significativi vantaggi in termini di competitività, fidelizzazione, reputazione.

La consulenza aziendale per la sostenibilità gioca un ruolo cruciale in questo contesto, aiutando le imprese a navigare nelle complessità della transizione verso pratiche più sostenibili.

Secondo il Global Compact delle Nazioni Unite, il 90% delle aziende è consapevole infatti dell'importanza della sostenibilità, ma solo il 60% sta attivamente adottando politiche green nei propri processi operativi: questo divario indica una crescente necessità di consulenza aziendale per la sostenibilità, che può e deve aiutare a colmare il gap tra consapevolezza e azione.

A supporto di ciò, un rapporto del World Economic Forum evidenzia che le aziende che adottano pratiche sostenibili tendono a registrare migliori performance finanziarie. Nello specifico, le imprese che si impegnano attivamente nella sostenibilità vedono un aumento del 10-15% nei ricavi e una riduzione dei costi operativi che oscilla tra il 5 e il 20%.

La consulenza aziendale per la sostenibilità può offrire una serie di vantaggi alle imprese a livello di competitività (il 73% dei consumatori globali afferma di essere disposto a pagare di più per prodotti sostenibili), riduzione dei rischi (le aziende che non tengono conto delle questioni ambientali potrebbero essere soggette a multe), reputazione (un'indagine del Reputation Institute rivela che l'85% delle persone ritiene che le aziende debbano essere più impegnate nell’uso efficiente e rispettoso delle risorse) e innovazione (la ricerca di soluzioni ecologiche spesso porta a nuove idee e prodotti e le aziende innovative ricevono più finanziamenti).

In questa fetta di mercato, dalle potenzialità importanti, si inserisce Fare Impresa, in qualità di incubatore di startup innovative, come un catalizzatore di cambiamento: il suo lavoro di consulenza specializzata e di continuo supporto si basa soprattutto sull’integrazione dei principi ESG (Environment, Social, Governance), non solo nei modelli di business ma anche nella cultura aziendale.
L’incubatore non solo accelera la crescita delle imprese e startup attraverso l’innovazione sostenibile, ma stimola anche un impatto sociale positivo, contribuendo a formare un ecosistema imprenditoriale più responsabile e attento agli impatti ambientali e sociali.

"Siamo convinti che attraverso rigorosi metodi di formazione e gestione d’impresa sia possibile aiutare l’azienda nella fase di start e restart puntando su innovazione di prodotto e processo attraverso la Pianificazione Strategica e la costruzione di Modelli di business distintivi - dichiara Fernando Del Rosso, CEO di Fare Impresa -. Il nostro percorso parte con l’acquisizione di competenze specialistiche che hanno consentito la realizzazione di un processo digitale di accompagnamento d’impresa".
Condividi
```