Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 00.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Trenitalia, speciale magazine La Freccia Arte per celebrare la Biennale di Venezia

Cultura, Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Arriva una edizione speciale della rivista La Freccia, il magazine distribuito ai clienti Trenitalia, per celebrare la 57esima Biennale d’Arte. La Freccia Arte acompagnerà per i prossimi giorni accompagnerà la manifestazione veneziana fino alla sua conclusione, il 26 novembre.

La rivista, in formato extra large e bilingue (italiano/inglese), si propone di fare un bilancio dei primi quattro mesi sulla rassegna internazionale di arte contemporanea, e lo fa innanzitutto con un’intervista a Christine Macel, curatrice del grande evento: “Dall’apertura della Mostra a oggi abbiamo avuto una partecipazione notevole, con un incremento di visitatori del 23% rispetto all’edizione 2015”.

Viva Arte Viva, la 57esima Biennale d’Arte, inaugurata all’inizio di maggio, è una Biennale “con gli artisti, degli artisti e per gli artisti”, fa sapere ai lettori Christine Macel. “Ho avuto modo di concepire ogni ambiente su misura e di prendermi cura dei lavori, di cui il 50% è stato prodotto per l’occasione. E’ stato inoltre prioritario che ogni opera fosse in risonanza con quelle vicine per creare una costellazione di sensi percettibili dallo spettatore”.

Tra i tanti contenuti da non perdere sulle pagine de La Freccia Arte la realtà dipinta e raccontata in un dialogo con il Maestro Giorgio Griffa; l’approfondimento su Il mondo magico, il Padiglione Italia curato da Cecilia Alemani, con i lavori di Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey, incentrati sul potere trasformativo dell’immaginazione come strumento per abitare il mondo. E poi la conversazione semiseria tra i due big della critica d’arte contemporanea Achille Bonito Oliva e Massimiliano Gioni. Avvicinare sempre di più il pubblico agli artisti è invece il messaggio di Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia con un passato nelle Ferrovie dello Stato, che traccia un bilancio di questi primi mesi guardando già alle prossime edizioni.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.