Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 18 Novembre 2018, ore 11.22
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fisco, Di Maio: "via spesometro, split-payment, redditometro e studi di settore"

Secondo il Ministro del Lavoro si tratta di "strumenti che hanno reso schiavo chi crea valore in Italia"

Economia ·
(Teleborsa) - Gli strumenti anti-evasione adottati finora come split payment, redditometro, spesometro e studi di settore "hanno reso schiavo" chi "le tasse le ha sempre pagate" e quindi vanno aboliti. Lo ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, intervenendo all'Assemblea di Confcommercio.

"Parliamo di semplificazione e si fanno leggi che però complicano ancora di più. Quando si fanno leggi anti evasione rendendo troppo complicate le normative e si trattano tutti come evasori si rende la vita più complicata a chi le tasse le ha sempre pagate" ha spiegato.

"Non ci possiamo illudere che tutto in italia possa cambiare con le leggi, per questo non credo in strumenti come spesometro, redditometro, studi di settore, split payment. Sono strumenti che hanno reso schiavo chi crea valore in Italia con burocrazie che impiegano cento giorni di lavoro l'anno e costi" ha poi incalzato, aggiungendo: "serve l'abolizione di tutti questi strumenti. Incrociamo le banche dati della P.A. e invertiamo l'onere della prova".

Di Maio ha assicurato: "Avete la mia parola qui a Confcommercio che l'IVA non aumenterà e le clausole di salvaguardia saranno disinnescate".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.