Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 21 Gennaio 2019, ore 09.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Anief: per meno di 70 mila docenti pensioni light con Quota 100

Con decreto sul pre-pensionamento, assegno ridotto da circa il 5% in caso di anticipo solo di un anno, a valori oltre il 30% se l’anticipo è di oltre 4 anni.

Economia ·
(Teleborsa) - Si attende Giovedì 17 Gennaio per l'approvazione normativa da parte del Consiglio dei Ministri, insieme al tanto atteso Reddito di cittadinanza, del decreto sul pre-pensionamento con maxi-finestra predisposto dal Governo che coinvolge anche il mondo dell'istruzione.

Su quest'ultimo a pronunciarsi è il sottosegretario al Ministero del Lavoro Claudio Durigon, che afferma: "Anche se occorre attendere la versione definitiva, è già da ora possibile evidenziare che nel provvedimento che doveva "smontare" la Legge Fornero, si parla di eccezionali finestre che non smontano il passaggio pure al sistema contributivo e il limite minimo dei contributi previsti per accedere al massimo dell'assegno".

Nonostante Durigon abbia specificato che "chi andrà in pensione con quota 100 non subirà nessun taglio", il Presidente dell'Anief Marcello Pacifico non sembra essere d'accordo e commenta:"Ammesso che abbia ragione, di sicuro il taglio dell’assegno di quiescenza non è affatto minimale. Perché su una pensione potenziale, per chi esce del lavoro a 67 anni, pari a 1.500 euro netti, si scenderebbe a circa 1.250 euro per tutta la vita, non è roba da poco".

A queste condizioni, la percentuale di riduzione inciderà molto sul numero di adesioni a quota 100, che potenzialmente è stata stimata attorno ai 70 mila docenti. Infatti, pur senza veri tagli, la normale applicazione dei metodi di calcolo porterà comunque ad avere una pensione light. Facendo valere meno anni di contributi e con il coefficiente di calcolo applicato più basso, con il montante pensionistico applicato a meno anni di contribuzione, l’Ufficio parlamentare di Bilancio ha calcolato un ridimensionamento dell’assegno "da circa il 5% in caso di anticipo solo di un anno, a valori oltre il 30% se l’anticipo è di oltre 4 anni".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.