Facebook Pixel
Milano 25-giu
0 0,00%
Nasdaq 25-giu
19.701,13 +1,16%
Dow Jones 25-giu
39.112,16 -0,76%
Londra 25-giu
8.247,79 -0,41%
Francoforte 25-giu
18.177,62 -0,81%

Reclutamento e concorso: il punto di vista di ANIEF sul ripristino del doppio canale

Maria Guarino candidata al CSPI nella lista Anief "Democrazia, responsabilità e partecipazione" per la componente Scuola primaria. La Lista dei candidati Anief è visualizzabile su https://anief.org/rsutas/cspi-2024

Maria Guarino, Presidente di Anief Liguria, candidata alle elezioni per il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione nella lista Anief "Democrazia, responsabilità e partecipazione" per la Scuola primaria, ha parlato oggi di un tema molto caro al giovane sindacato: il pristino del doppio canale di reclutamento.

"Già il Testo Unico della scuola del 1994 - ricorda Guarino - prevedeva l'accesso ai ruoli della scuola attraverso quello che oggi viene chiamato il doppio canale, che consiste, da una parte, nell'assunzione dalle graduatorie ad esaurimento e, dall'altra, tramite concorso. Anief ritiene che assumere soltanto dai concorsi, così come previsto dal piano PNRR, non possa essere la risposta che lo Stato può dare per l'assunzione e la stabilizzazione dei circa 250 mila precari che oggi tengono in piedi le nostre scuole, a partire dall'infanzia fino alle scuole di secondo grado".

"Il ripristino del doppio canale ha funzionato quando si veniva assunti da quelle che prima erano le graduatorie ad esaurimento. Oggi Anief chiede di attingere dalle Graduatorie Provinciali per le Supplenze", afferma la candidata del sindacato, ricordando "finalmente, nell'ultima Manovra, è stata approvata in via straordinaria la possibilità di essere assunti da graduatorie provinciali per il solo sostegno, ma Anief lo chiede anche per i posti comuni, quantomeno da prima fascia, in cui sono inserite le persone abilitate sulla materia".

"Non soltanto una procedura straordinaria - precisa Guarino - ma una che vada a ripristinare una procedura ordinaria, da cui lo Stato possa attingere nuovamente per il 50% dai concorsi ordinari e per il 50% dalle GPS".

"Anief non si fermerà nelle piazze, nelle aree dei tribunali e nemmeno nelle aree parlamentari. Ed è per questo che necessitiamo del vostro supporto, per poter essere sempre più forti e convinti della validità delle nostre idee", conclude la candidata alle prossime CSP.
Condividi
"
Altri Video
```