Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 21 Gennaio 2019, ore 08.49
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Brexit, Bruxelles rassicura su backstop. May: "Tentativo di allontanare timori"

La premier ribadisce la bontà dell’accordo raggiunto con l'UE e la volontà di "attuare la Brexit" nonostante timori Camera Bassa

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - A 24 ore dal voto del Parlamento britannico sulla Brexit, i Presidenti della Commissione e del Consiglio europeo, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, hanno inviato alla Premier britannica Theresa May una lettera contenente maggiori rassicurazioni sul "backstop" per le frontiere irlandesi.

Una missiva lunga 4 pagine, quella ricevuta nella mattina del 14 gennaio dall'inquilina del numero 10 di Downing Street, dalla quale si apprende che il “backstop”, meccanismo posto a garanzia di un confine senza barriere tra Irlanda ed Irlanda del Nord, entrerà in vigore solo se strettamente necessario, e, comunque, in maniera temporanea.

Nel documento, utile a supportare le ragioni dell’accordo di fronte alla Camera Bassa, vengono esaminati alcuni punti dell’intesa e viene esplicitato il valore legale delle conclusioni firmate dal Consiglio UE.

Immediata la risposta della Premier May, la quale afferma che gli ulteriori "chiarimenti ed impegni" sul "backstop" contenuti nella lettera di Bruxelles sono conformi allo spirito dell'accordo raggiunto con i Ventisette, ma nello stesso tempo sono sintomo di una rassicurazione aggiuntiva contro le paure sollevate da alcuni rappresentanti della Camera Bassa.

Successivamente, a margine di un discorso in una fabbrica a Stoke-on-Trent, la leader britannica avrebbe spiegato che i suoi timori non riguarderebbero il tentativo da parte del Parlamento di riprendere in mano l’accordo sull'uscita dall'Unione, ma il fatto che l'organo legislativo intenda "frustrare" l’intero processo. La premier, avrebbe sottolineato, poi, la bontà dell’accordo raggiunto, ribadendo ad un reporter la volontà di "attuare la Brexit" e di sperare di convincere i deputati, confermando un suo doppio intervento alla Camera: oggi e domani.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.