Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 19 Febbraio 2019, ore 11.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bankitalia: pericolo recessione tecnica. Rivista al ribasso crescita nel 2019

La proiezione indica per il 2019 una crescita del PIL pari allo 0,6%, 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza

Economia ·
(Teleborsa) - Nel quarto trimestre 2018, la crescita dell’economia italiana lascerebbe registrare una nuova diminuzione. Lo si apprende dal bollettino economico di Bankitalia, secondo cui "gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l'attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto".

Una possibilità, che stando al documento pubblicato dall’Istituto di Via Nazionale, potrebbe portare ad una recessione tecnica.

La proiezione Bankitalia evidenzia per il 2019 una crescita del PIL pari allo 0,6%, 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza. Le proiezioni centrali della crescita nel 2020 e nel 2021 - seguita l’analisi - sono dello 0,9% e dell'1%, rispettivamente, ma i rischi per la crescita sono al ribasso.

Inoltre, da Bankitalia evidenziano l’andamento stabile e "contenuto" del costo del credito per le banche, sebbene lo spread alto possa influire sull’innalzamento dei tassi sui finanziamenti. Le imprese, invece, mostrano secondo l’Istituto "segnali di irrigidimento" sull’offerta del credito. "In prospettiva, però – si legge nel documento - il persistere dell'elevato livello dei rendimenti sovrani e il costo della raccolta bancaria continuerebbe a spingere al rialzo il costo del credito".

Infine, la proiezione rileva un aumento graduale dell’inflazione per i prossimi anni: "dall'1% per cento quest'anno all'1,5% nella media del biennio successivo, a seguito dell'incremento delle retribuzioni private e del graduale allineamento delle aspettative di inflazione".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.