Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 23 Aprile 2019, ore 20.12
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

De Rita (Censis): senza la memoria del passato non si supera la crisi italiana

La nuova leadership, dice De Rita, nascerà dalle nostre radici

Economia ·
(Teleborsa) - "L'ascensore sociale si è bloccato e tutti abbiamo il lutto di quel che non è stato, il rancore che percorre il nostro paese è esattamente questo". Così Giuseppe De Rita, in un'intervista a Teleborsa, fotografa e racconta l'attuale situazione del nostro paese dopo la ricerca del Censis che aveva messo in evidenza lo scorso anno, un'Italia invidiosa e rabbiosa.

Per il Presidente dell'Istituto di ricerca non abbiamo più la prospettiva di un futuro. "Sarà la crisi dell’euro o della produzione industriale o di qualsiasi cosa ormai dobbiamo combattere e dobbiamo combattere con i problemi dell’oggi".

"L’aiuto – spiega De Rita – non può arrivare dallo Stato che in questo momento ha di fronte una crisi di tutti i suoi strumenti, soprattutto con questo Governo. Il Governo si dedica alla povertà, alle pensioni anticipate, a garantire qualcosa che non rispecchia le responsabilità dei singoli. In poche parole ci troviamo davanti a un ruolo dello Stato vecchio, quasi di Stato assistenziale pontificio".

De Rita ritiene anche in quest'ottica fallito il Reddito di Cittadinanza. "Il sistema – spiega – è molto più complesso di quanto si possa immaginare: si fa una legge dicendo sconfiggiamo la povertà ma poi alla fine nessuno viene allo sportello per sconfiggere la povertà e ognuno continua a fare il proprio conto, a disperarsi per campare, a disperarsi per esportare".

E infine quanto alla possibilità di fare un bel programma per il futuro chiudendosi in una stanza questo verrà meno perché verrebbero a mancare i legami con le radici che danno senso alle cose di tutti i giorni.

In conclusione dice De Rita, "anche i leader non nascono sui progetti e da piani ma dalla realtà e la realtà affonda nel rispetto del passato".

di Dino Sorgonà


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.