Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 23 Aprile 2019, ore 19.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Apple e Qualcomm trovano un accordo, si chiude la battaglia legale

Al centro vi erano le royalty sui processori che i telefoni utilizzano per connettersi alle reti mobili. Volano i titoli Qualcomm, che arrivano a guadagnare il 23% a Wall Street

Economia ·
(Teleborsa) - Con uno storico accordo i colossi Apple e Qualcomm patteggiano e mettono fine alla lunga battaglia legale delle royalty. Anche se non sono stati divulgati i dettagli finanziari dell'accordo, quello che si sa è che include un pagamento da parte di Apple a Qualcomm. Le aziende hanno spiegato di aver raggiunto un accordo di licenza di sei anni per la fornitura di chip, in vigore dal 1 aprile 2019, compresa un'opzione per estenderla di altri due anni. I chip di Qualcomm modem potrebbero, dunque, essere utilizzati nuovamente nei più recenti modelli di iPhone di Apple.

Vengono così a cadere tutte le reciproche accuse avanzate nei vari tribunali nel mondo, comprese quelle del processo appena aperto a San Diego e nel quale Apple, insieme a quattro altre società che fanno parte della sua catena di fornitori, chiedeva 27 miliardi di dollari in danni a Qualcomm per aver fatto pagare troppo le royalty sui chip dal 2013. Accuse respinte da Qualcomm che, da parte sua, pretendeva da Cupertino almeno 7 miliardi di dollari di pagamenti arretrati oltre a miliardi di dollari di danni. Nel 2017 Apple ha, così, detto ai suoi fornitori di smetterla di pagare Qualcomm a causa dei suoi prezzi troppo alti e anti-competitivi rimanendo senza un chiaro fornitore (dal 2016 Apple ha iniziato a utilizzare i chip della concorrenza Intel in alcuni modelli) per i chip 5G, la prossima generazione di tecnologia wireless che i rivali di Cupertino hanno già iniziato a incorporare.

Per Qualcomm, tuttavia, la questione non è ancora conclusa. Il colosso è, infatti, in attesa della decisione del giudice federale sulle accuse avanzate nei suoi confronti dalla Federal Trade Commission americana, l'antitrust statunitense, secondo la quale le pratiche di licenza di Qualcomm sono anticompetitive. Le autorità hanno presentato le loro accuse contro Qualcomm nel 2017 sostenendo che il colosso approfittava della sua posizione dominante nella tecnologia per gli smartphone per fermare la concorrenza e costringere i suoi clienti, incluse Apple e Huawei, a pagare royalty gonfiate.

Dopo l'annuncio della tregua, ieri, i titoli Qualcomm sono volati in borsa arrivando a guadagnare a Wall Street il 23%.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.