Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 16 Luglio 2019, ore 06.53
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Trump, lo staff di Deutsche Bank segnalò transazioni sospette

Il New York Times cita una segnalazione degli esperti antiriciclaggio della banca tedesca che smentisce intimidazioni a dipendenti e conferma rafforzamento controlli anti-frode

Finanza ·
(Teleborsa) - Emerge un nuovo sospetto di transazioni illecite condotte dal Presidente americano Donald Trump. Ad avanzare l'indiscrezione è il New York Times, secondo cui gli esperti di antiriciclaggio di Deutsche Bank segnalarono operazioni sospette fra il 2016 ed il 2017 di entità collegate a Trump ed al genero Jared Kushner, ma queste transazioni non furono prese in considerazione dai vertici dell'Istituto tedesco.

Queste transazioni - stando a quanto riporta il quotidiano americano - furono poste in essere da entità facenti parte grande impero Trump, compresa la Fondazione di famiglia. Non è chiaro di che natura fossero gli illeciti, ma in almeno un caso si parlerebbe di un trasferimento di denaro verso entità o individui all'estero.

A far emergere queste operazioni sarebbero stati i sofisticati sistemi di allerta di cui la banca è dotata per rilevare possibili attività illecite. Contattata, Deutsche Bank ha spiegato infatti "negli ultimi anni abbiamo aumentato lo staff anti-frode e migliorato i nostri controlli e preso molto sul serio il rispetto delle leggi anti-riciclaggio (AML/BSA)". "Un programma AML efficace - ha spiegato - richiede una sofisticata tecnologia di screening delle transazioni e un team di individui che può analizzare gli allarmi generati da questa tecnologia in modo completo ed efficiente".

In relazione alle segnalazioni di cui parla l'articolo del NYT, la banca ha precisato che "è categoricamente falsa l'ipotesi che qualcuno sia stato costretto a dimettersi o licenziato per eliminare le preoccupazioni di qualche cliente".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.