Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 19 Settembre 2019, ore 00.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Strategie per l'Italia, Patuelli: "Garanzie sociali non sufficienti a rilancio"

Aprendo i lavori la terza edizione dell'evento "Obbligati a Crescere", il Presidente dell'Abi ha invitato a riflettere sulle anomalie italiane che frenano la crescita

Economia ·
(Teleborsa) - Le possibili strategie per affrontare le delicate relazioni con l'Europa, le prospettive di crescita del nostro Paese e le difficoltà ad essa connesse. Sono questi – in un contesto che vede rapporti sempre tesi con Bruxelles, con la minaccia di procedure sanzionatorie, pericolose soprattutto per le risposte che possono venire dai mercati – i temi al centro di "Strategie per l'Italia", la terza edizione di "Obbligati a Crescere", l'evento organizzato dal Messaggero Economia in collaborazione con l'Abi a Palazzo Altieri.

Introdotto dagli interventi di Antonio Patuelli, presidente dell'Abi e dal direttore del Messaggero, Virman Cusenza, l'incontro, moderato da Romano Prodi, vede un confronto tra cinque imprenditori-manager: Lucia Aleotti Presidente del Gruppo Menarini, Carlo Cimbri Group Ceo di Unipol, Claudio Descalzi Ad del Gruppo Eni, Carlo Messina, Consigliere Delegato di Intesa San Paolo e Marco Tronchetti Provera, Ad del Gruppo Pirelli. A chiudere i lavori è attesa la sintesi del ministro dell'Economia Giovanni Tria.

"Le politiche di garanzie sociali sono eticamente indispensabili ma non sufficienti a rilanciare lo sviluppo e l'occupazione. Sono refrattario a imperativi categorici, ma faccio un'eccezione: obbligati a crescere è assolutamente una necessità che bisogna seguire senza attendere locomotive altrui che possono avere complicazioni e ritardi – ha affermato Patuelli – attraverso politiche che incentivino la competitività degli attori italiani sui mercati internazionali. Siamo obbligati – ha aggiunto – a riflettere su tutte le anomalie italiane rispetto agli standard di efficienza produttiva e sistemi pubblici che ci sono in Europa e in giro per il mondo", ha concluso Patuelli.





Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.