Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 18 Febbraio 2020, ore 13.07
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

ISTAT, rapporto deficit/PIL 1° trimestre in lieve calo al 4,1%

Il reddito disponibile delle famiglia ha segnato un recupero che si è trasferito nella crescita dei consumi, mentre l'inflazione contenuta ha avuto effetti positivi sul potere d’acquisto

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - In calo il rapporto deficit/PIL dell'Italia nel 1° trimestre. Secondo l'ISTAT, l’incidenza del deficit sul PIL è scesa lievemente al 4,1% dal 4,2% dello stesso trimestre del 2018, con una dinamica delle uscite inferiore a quella delle entrare (incrementi dell’1,4% e del 1,6% rispettivamente.

Il saldo primario delle AP (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul PIL dell’1,3% (-0,9% nel primo trimestre del 2018). Il saldo corrente delle AP è stato anch’esso negativo, con un’incidenza sul PIL dell’1,6% (-1,5% nel primo trimestre del 2018).

La pressione fiscale è risultata del 38%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il reddito disponibile delle famiglie ha segnato un recupero, che si è trasferito nella crescita del potere d’acquisto. Questa risalita si è tradotta in misura limitata in maggiori consumi, aumentando la propensione al risparmio. Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dello 0,9% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti in termini nominali dello 0,2%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari all’8,4%, in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. A fronte di una variazione nulla del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è anch'esso cresciuto rispetto al trimestre precedente dello 0,9%.

La quota di profitto delle società non finanziarie è scesa al 40,7%, 0,6 punti percentuali più bassa rispetto al trimestre precedente. Il tasso di investimento del settore, pari al 21,1%, è diminuito di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.