Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 21 Settembre 2019, ore 00.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coldiretti annuncia: 5515 "bandiere del gusto 2019"

Si piazzano sul podio la Campania, la Toscana ed il Lazio

Agroalimentare, Economia ·
(Teleborsa) - Un podio da gustare, quello evidenziato da Coldiretti nel censimento 2019 delle specialità culinarie, ottenute secondo le regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni. Sono 5155 le "Bandiere del Gusto" Made in Italy con la Campania che si piazza in testa con ben 531 piatti tipici, seguita da Toscana (461) e Lazio (428).

A seguire - sottolinea la Coldiretti in una nota - si posizionano l'Emilia-Romagna (396) e il Veneto (374), davanti al Piemonte con 342 specialità e alla Liguria che può contare su 299 prodotti. A ruota tutte le altre Regioni: la Puglia con 285 prodotti tipici censiti, la Calabria (269), la Lombardia (249), la Sicilia (244), la Sardegna (205), il Trentino Alto Adige (195), il Friuli-Venezia Giulia (177), il Molise (159), le Marche (153), l'Abruzzo (148), la Basilicata con 135, la provincia autonoma di Trento con 105, l'Alto Adige con 90, l'Umbria con 69 e la Val d'Aosta con 36.

Ricca la lista delle specialità, partendo dalla Campania dove troviamo le Papaccelle, un tipo di peperone utilizzato prettamente per le conserve sott'aceto, mentre invece in Toscana - continua Coldiretti - troviamo la Piattella pisana, un fagiolo bianco di forma appiattita con la buccia quasi inesistente, che lo rende particolarmente apprezzato in cucina. Nel Lazio, per completare le specialità presenti sul podio, viene seminato il "Fagiolo del Purgatorio" che rappresenta il piatto fondamentale del mercoledì delle ceneri, molto particolare per la concia esterna composta da circa quindici spezie che venne ideata per conservare il prodotto in epoche in cui non esistevano celle frigorifere o ghiacciaie.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.