Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 22 Settembre 2019, ore 13.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Inflazione, speculazioni sui prezzi danneggiano consumatori

La spesa non riparte e diversi settori versano in condizione di sofferenza

Economia ·
(Teleborsa) - Una frenata dell'inflazione risulta essere una pessima notizia per l'economia nazionale. Come afferma il Codacons, evidenziando che rispecchia la fase di stagnazione del paese, dove i consumi sono fermi, la spesa non riparte e diversi settori versano in condizione di sofferenza.

Secondo l'associazione che tutela i consumatori, si celano anche evidenti speculazioni sui prezzi che danneggiano le tasche dei consumatori, come gli ingiustificati incrementi delle tariffe per il comparto turistico, non classificabili come caro-vacanze e a danno degli italiani. I prezzi dei biglietti aerei internazionali aumentano del +9,7% su base annua e del +4,7% su mese, mentre le tariffe dei Villaggi vacanze e campeggi subiscono un rincaro del +17,7% in un solo mese.

L'inflazione allo 0,4% fa abbassare l'aggravio di spesa a carico delle famiglie, ma ci sono differenze a livello territoriale: l'Abruzzo è la regione dove i prezzi crescono di più a luglio (+0,9%) dando vita ad un aggravio pari a +247 euro annui per famiglia, al contrario delle Marche, dove l'inflazione registra un -0,1% realizzando un risparmio pari a 28 euro per famiglia.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.