Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 02.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Unimpresa, aumento del balzello consumi dal 27% al 30%

Il balzello più redditizio è l'IRPEF, con 194,3 miliardi nel 2018

Economia ·
(Teleborsa) - Una previsione quasi catastrofica quella di Unimpresa, che con l'aumento dell'IVA stima una crescita del peso di questa forma di tassazione dei consumi dal 27% al 30% sul gettito complessivo entro il 2020. Con le clausole di salvaguardia, l'IVA sarà dunque sempre più la regina delle tasse italiane.

Il gettito Iva si dovrebbe attestare a 164,1 miliardi nel 2020 arrivando a rappresentare il 30,64% del gettito complessivo del 2020, pari a 535,2 miliardi. Nel 2018, il balzello sui consumi si è attestato a 140,9 miliardi ed era il 27,97% dei 503,9 miliardi di incassi tributari totali.

L'imposta più redditizia resta però l'IRPEF, con 194,3 miliardi nel 2018, mentre l'IRES vale 35,4 miliardi nel 2018.

Il Vicepresidente di Unimpresa, Andrea D'Angelo commenta: "Le clausole di salvaguardia dovute alla crisi di Governo potrebbero rappresentare il colpo di grazia per l'economia italiana: se si da potere d'acquisto ai cittadini, spostare il carico fiscale sui consumi può avere senso. Lasciar salire l'IVA senza tagli all'IRPEG è pericoloso, ma l'accelerazione delle tensioni mette in pericolo la stabilità della maggioranza".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.