Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 12 Novembre 2019, ore 15.04
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Def, nel 2020 PIL a +0,6%, deficit 2,2%. Conte-Gualtieri: obiettivo crescita ed equilibrio conti

Debito/Pil a 135,7% nel 2019

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - La crescita italiana si attesterà il prossimo anno al +0,6%, per poi crescere all'1% nel 2021 e nel 2022. Nel 2019 il PIL si attesterà allo 0,1%. Il deficit-PIL è fissato nel 2020 al 2,2%, per poi scendere all'1,8% nel 2021 e all'1,4% nel 2022. Nel 2019 il disavanzo si attesta al 2,2% del PIL. E' quanto si legge nella Nota di aggiornamento al Def in entrata al Consiglio dei ministri.

Il debito/PIL programmatico è stimato al 135,7% nell'anno in corso.

"Il nuovo Governo si pone l'obiettivo di rilanciare la crescita assicurando allo stesso tempo l'equilibrio dei conti pubblici e una partecipazione propositiva al progetto europeo", sottolineano il premier Giuseppe Conte e il ministro, Giovanni Gualtieri, nella premessa. "Le linee di politica economica saranno volte a rafforzare la congiuntura così come ad aumentare il potenziale di crescita dell`economia italiana, che da almeno due decenni soffre di una bassa dinamica della produttività e di una altrettanto insoddisfacente crescita demografica", aggiungono.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.