Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 19 Ottobre 2019, ore 08.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dossier Alitalia alla stretta finale

A 4 giorni dalla scadenza del 15 ottobre scenario immutato nella cordata per la Newco. Non convince la proposta last minute di Lufthansa

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - A quattro giorni dalla scadenza del 15 ottobre, data entro cui è previsto debba essere presentata l’offerta vincolante da parte della cordata guidata da Fs, il dossier Alitalia somiglia sempre più a una partita a scacchi, in cui si è inserita Lufthansa con una mossa non tanto a sorpresa. Lo scenario disegnato da Fs e Atlantia con Mise ha richiamato la partecipazione di Delta Air Lines, decisa a impegnarsi per una quota non superiore al 10%. Una scelta in linea con strategie perseguite in precedenza, come quella riguardante il gruppo Air France-Klm, ma che non soddisferebbe i partner della cordata per il salvataggio di Alitalia.

La compagnia aerea americana sembra inamovibile e fa capire di volere concentrarsi piuttosto su piano industriale e strategie operative, intendendo che le condizioni per avviare la Newco ci sarebbero, sempre che accompagnate dalla volontà di procedere nella direzione fissata dopo l’ultimo rinvio della scadenza.

L’offerta last minute di Lufthansa, che accetterebbe solo soci privati e paventa una flotta ridotta a poco più del 40%, è un’alternativa possibile, ma assai dolorosa e penalizzante, con la conseguenza di addebitare alle casse dello Stato la penale (stimata in circa 350 milioni) per l’abbandono dell’alleanza SkyTeam (di cui fanno parte Delta Air Lines e il gruppo Air France-Klm) e il passaggio a Star Alliance, ma soprattutto la gestione e la presa in carico di oltre 6mila esuberi di dipendenti Alitalia.

Detto che il ministro Patuanelli non intenderebbe concedere ulteriori prestiti, quand’anche dovesse arrivare ulteriore richiesta di slittamento della data di scadenza per la presentazione dell’offerta vincolante, appare chiaro che un’azione di chiarimento del Governo sui dubbi e le incertezze sollevati da Atlantia potrebbe sbloccare la situazione e portare alla elaborazione della proposta definitiva da parte di FS già entro il 15 ottobre.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.