Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 19 Febbraio 2020, ore 07.24
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Prescrizione: scontro rinviato, Governo rinuncia all'emendamento e punta al Ddl

E' scontro Renzi-Pd. Slitta a domani mercoledì 12 febbraio il voto sul 'lodo Annibali' al Milleproroghe

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Sulla prescrizione al momento nessuno strappo, viene tutto rinviato. Slitta a domani mercoledì 12 febbraio il voto sul 'Lodo Annibali', l'emendamento di Italia Viva che chiede il rinvio di un anno della riforma sulla prescrizione. E di conseguenza viene messa in standby la mozione di sfiducia al Ministro Bonafede minacciata da Matteo Renzi. Inoltre, dopo gli ultimatum sulla sfiducia a Bonafede, Palazzo Chigi ha deciso di non forzare la mano e non presentare nessun emendamento con il lodo 'Conte bis' al decreto Milleproroghe. Arriverà un disegno di legge del Governo che dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri giovedì, insieme al Disegno di Legge Delega che contiene la riforma del processo penale.

Resta però altissima la tensione fra renziani e Pd. Questa mattina era arrivato un duro affondo da parte del segretario del Pd Zingaretti a Renzi. "Come volevasi dimostrare - ha detto Zingaretti rivolto ai renziani - dicevano di voler allargare il campo ai moderati per sconfiggere Salvini. Sono diventati estremisti che frammentano il nostro campo e fanno un favore a Salvini".

E in serata si è consumato l'ennesimo strappo nella maggioranza. Italia viva durante l'esame del dl Milleproroghe nelle Commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera ha infatti votato insieme a Lega, FI e FdI un emendamento a prima firma di Riccardo Magi (+Europa) che prevede la sospensione fino al 31 dicembre 2023 della legge Bonafede sulla prescrizione. La proposta di modifica è stata però bocciata con i voti contrari di Pd e M5S (44), mentre i voti favorevoli sono stati 42 da parte di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Italia Viva.

Durante i lavori delle Commissioni, il Governo ha dato inoltre parere contrario al lodo Annibali. “Noi chiediamo il rinvio di un anno della Bonafede per intervenire in modo serio sulla riforma del processo penale. Mi auguro che prima o poi ci sia un’assunzione di responsabilità. Noi voteremo questo emendamento nonostante il parere contrario”, detto la deputata renziana, Lucia Annibali, esprimendo “rammarico” per il parere contrario all’emendamento.

L'esame delle Commissioni riprenderà il prossimo pomeriggio alle 15.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.