Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 23 Febbraio 2020, ore 19.05
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bankitalia, debito pubblico cresce e supera i 2.409 miliardi

E' quanto contenuto nel rapporto "Finanza pubblica, fabbisogno e debito"

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Aumenta il debito pubblico italiano. Secondo gli ultimi dati mensili di Bankitalia, che ha pubblicato oggi il rapporto "Finanza pubblica, fabbisogno e debito", il debito pubblico a fine dicembre era pari a 2.409,2 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 2.380,6 miliardi di fine 2018.

L'aumento del debito nel 2019 (pari a 28,7 miliardi) è stato inferiore al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (35,2 miliardi), per effetto della lieve riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (-2,2 miliardi), degli scarti e premi all'emissione e al rimborso dei titoli di stato indicizzati e della variazione del cambio (-4,4 miliardi).

CRESCE IL DEBITO DELLA PA CENTRALE - Più in dettaglio, il debito consolidato delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 32,1 miliardi a 2.324,8 miliardi di euro, mentre quello delle Amministrazioni locali si è ridotto di 3,4 miliardi a 84,4 miliardi. Il debito degli Enti di previdenza è pressoché stabile.

TORNANO GLI INVESTITORI ESTERI - La quota di debito detenuta da non residenti è tornata a crescere, sintomo della maggior credibilità dell'Italia, arrivando al 31,4% del totale a fine novembre, dal 28,6% di fine 2018.

ENTRATE TRIBUTARIE IN LIEVE CALO - Sempre Bankitalia ha indicato che le entrate tributarie nel 2019 si sono attestate a 461,7 miliardi di euro, in calo di appena uno 0,36% rispetto ai 463,4 miliardi del 2018. Nel mese di dicembre, tuttavia, si è registrato un calo dell'11,2% per effetto dello spostamento di alcune scadenze fiscali.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.