Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 4 Aprile 2020, ore 04.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Coronavirus, sindacati PA: "Governo cambi Dpcm"

"Occorre dettagliare quali attività debbano essere svolte con obbligo di presenza e ricorrere di più al lavoro da remoto"

Economia ·
(Teleborsa) - "Abbiamo bisogno di misure che aiutino la Sanità, oramai allo stremo, e per farlo è urgente abbassare il livello di contagio in modo da non sovraffollare i reparti Covid-19 e mettere in sicurezza tutto il personale sanitario ospedaliero, delle residenze assistite e i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, compresi i settori privati che operano nell'emergenza Covid-19. Per questo occorre dettagliare meglio quali attività della PA debbano essere svolte con obbligo di presenza e ricorrere maggiormente al lavoro da remoto".

Ad affermarlo sono Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa che in una nota ricordano che "dopo l'approvazione del Dpcm, insieme alle Confederazioni, stiamo lavorando per indicare al Governo l'esigenza di distinguere nell'ambito dei servizi pubblici cosa è realmente essenziale e cosa invece può essere svolto in altre modalità o differito".

"Il personale della Sanità sta pagando un contributo altissimo alla gestione di questa emergenza e non è tollerabile che le misure di contenimento adottate non garantiscano il drastico calo del rischio contagio", si legge nel comunicato.

"La circolare 2 del 2020 del Ministero della PA, insieme ad altri provvedimenti, dispone che la stragrande maggioranza delle attività oggi in capo alle pubbliche amministrazioni possano essere svolte da remoto, contribuendo così a garantire misure di contenimento che, pur offrendo la continuità delle attività e dei servizi resi ai cittadini, tutelino la salute dei lavoratori e della popolazione", ricordano i sindacati.

"In quell'elenco così generico, allegato al Dpcm, inserire tutta la Pubblica amministrazione, gran parte dei servizi pubblici a gestione diretta o da terzi, in concessione o in appalto, all'interno dei servizi essenziali, senza andare a qualificare quelle che sono le attività indispensabili e quelle invece differibili, rischia di generare ulteriore caos e di essere in contrasto con le volontà di contenimento annunciate e da altri provvedimenti dello stesso Governo", continua la nota.

Per Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa, "bisogna chiarire subito quali attività delle pubbliche amministrazioni possono essere agevolate da tutte le misure previste, sia dal decreto 'Cura Italia' che dalle direttive della Pubblica Amministrazione. Così come chiediamo che il Ministero della PA solleciti tutte le amministrazioni affinché ci sia un più largo ricorso al lavoro agile e al lavoro da remoto o alle tutele previste dal cura Italia nel caso in cui il lavoratore che non svolge un'attività indispensabile non possa svolgerla in smart working".

"Registriamo in queste ore molte resistenze da parte dei dirigenti ad utilizzare tutti gli strumenti alternativi che possono contribuire al contenimento dell'emergenza Covid-19. Abbiamo bisogno di far lavorare tutto il personale in sicurezza e di dare continuità di servizi ai cittadini. Possiamo farlo diversamente, ed è quello che stiamo chiedendo in queste ore al Governo. Ci auguriamo che la mobilitazione dei servizi e delle attività produttive facciano capire al Governo che il Dpcm appena approvato va modificato. La salute di tutti è un bene primario", concludono.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.