Giovedì 3 Dicembre 2020, ore 11.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'inflazione conferma crescita modesta. Carrello spesa "preoccupa"

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - L'inflazione si conferma modesta in Italia ad ottobre, in linea con le dinamiche dei prezzi nell'Eurozona, nonostante il carrello della spesa si confermi piuttosto vivace, a causa degli aumenti die prezzi dei beni alimentari. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto dell'Istat, secondo cui i prezzi al consumo ad ottobre sono aumentati dello 0,2% su base mensile e confermano una diminuzione dello 0,3% su base annua (era -0,6% di settembre). Viene dunque confermata un’inflazione negativa per il sesto mese consecutivo.



A determinare la stagnazione dell'inflaioine hanno contribuito i prezzi dei Beni energetici (-9,5%), controbilanciati dall'accelerazione dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati (+3,5% da +2,7% di settembre). In particolare, rallenta il calo degli Energetici regolamentati (da -13,6% a -9,6%), mentre accentuano la flessione gli Energetici non regolamentati (da -8,2% a -9,4%).

L'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, accelera a +0,3% da +0,1%, mentre quella al netto dei soli beni energetici si porta a +0,5% da +0,2%.

Anche l'aumento mensile dell’indice generale è dovuto prevalentemente alla crescita dei Beni energetici regolamentati (+7,6%) e, in misura minore, di quelli dei Beni alimentari non lavorati (+0,9%), solo in parte compensata dal calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-1,1%).

L’inflazione acquisita per il 2020 è pari a -0,2% per l’indice generale e a +0,6% per la componente di fondo.

I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona accelerano (da +1,0% a +1,4%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto continuano a registrare una flessione (da -0,1% a -0,2%).

L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,6% su base mensile e diminuisce dello 0,6% su base annua (da -1,0% di settembre). L’aumento congiunturale dell’IPCA, più marcato rispetto a quello del NIC, è spiegato dalla fine dei saldi estivi prolungatisi anche a settembre di cui il NIC non tiene conto.

Consumatori: bene deflazione

Ben accolta dalle associazioni dei consumatori la conferma di una tendenza deflazionistica. "Bene che l'Italia resti tecnicamente in deflazione", afferma l'Unione Nazionale Consumatori, aggiungendo "a preoccuparci, comunque, è il rialzo del carrello della spesa". "Per una coppia con due figli, la famiglia tradizionale di una volta, la deflazione consente una diminuzione della spesa annua complessiva di 152 euro, con un ribasso di 216 euro per i trasporti e di 104 euro per l'abitazione, anche se il carrello della spesa a +1,4% incide sugli acquisti di tutti i giorni, che segnano un rialzo di 126 euro", Massimiliano Dona, presidente dell'UNC.

Agricoltori: effetto lockdown su prezzi alimentari

Coldiretti spiega invece l'aumento del carrello della spesa, affermando che "con le prime file davanti ai supermercati per l’effetto Covid, in controtendenza alla deflazione generale, salgono i prezzi al consumo nel carrello della spesa con un rincaro al dettaglio che va dal 10% per la frutta al 5,4% per la verdura".

Facendo riferimento all'aumento dell'1,5% dei beni alimentari, l'associazione che rappresenta gli agricoltori ricorda, a dispetto degli aumenti al dettaglio, che "i prezzi pagati agli agricoltori e agli allevatori spesso diminuiscono con le quotazioni riconosciute ai produttori che in molti settori non coprono più neanche i costi e mettono a rischio il sistema agroalimentare nazionale". Ed invita GDO e consumatori a "privilegiare sugli scaffali prodotti Made in Italy duramente colpiti dalla chiusura anticipata della ristorazione che ha un effetto negativo a cascata sull’agroalimentare nazionale".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.