Martedì 13 Aprile 2021, ore 20.40
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ue, nel 2021 PIL Italia +3,4%: crescita rallentata anche dalla partenza lenta dell'anno

Gentiloni: nel 2022 ritorno ai livelli pre-crisi ma non per tutti i Paesi europei. Sul nuovo governo italiano: ho fiducia in Draghi.

Economia ·
(Teleborsa) - La Commissione europea ha previsto che nel 2021 il PIL italiano crescerà del 3,4% e del 3,5% nel 2022, mentre le attese per l'economia dell'Area Euro sono un +3,8% sia quest'anno che il prossimo. Simili anche le previsioni per l'Unione europea che sono di una crescita del 3,7% nel 2021 e del 3,9% nel 2022.

L'incertezza e i rischi che gravano sulle prospettive di ripresa economica in Europa "restano molto elevati", ha avvertito nel corso della conferenza stampa il Commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni: "sono legati in particolare agli sviluppi della pandemia, tra cui l'emergere di nuove varianti di virus e al successo delle campagne di vaccinazioni". Le stime presentate oggi però non comprendono gli effetti del Next Generation EU, ha spiegato Gentiloni, che avrà un "considerevole" effetto a rialzo sulla crescita.

"In autunno avevamo previsto che il Recovery Fund potrebbe avere un impatto sul PIL del 2% negli anni in cui sarà operativo. Gli Stati che hanno un Pil pro-capite sotto la media Ue avranno la spinta più forte. Considerando uno stimolo di sei anni, il livello del PIL 2021-2026 potrebbe essere più alto del 3%-3,5% rispetto a uno scenario senza Recovery", ha precisato. "Nel 2022, cioè prima di quanto precedentemente prospettato, l'economia dell'UE dovrebbe tornare ai livelli del PIL pre-pandemia, anche se la perdita di produzione registrata nel 2020 non sarà recuperata così rapidamente o allo stesso ritmo in tutta l'Unione", ha dichiarato lo stesso Gentiloni.




Quanto all'Italia, nel Winter 2021 Economic Forecast si sottolinea che il PIL è crollato meno del previsto nel 2020 a -8,8% e la crescita stimata per il nuovo anno lo scorso anno risulta rallentata "a causa del riporto negativo del quarto trimestre 2020 e la partenza debole di quest'anno". Gentiloni sulle prospettive di un governo Draghi ha detto che è importante che, una volta ottenuta la fiducia del Parlamento, "vada nella direzione giusta", esprimendo fiducia sulle capacità e l'esperienza di Mario Draghi nel contribuire a un governo "efficiente ed europeista".

Sulla possibilità di presentare un nuovo Recovery Plan ha affermato che "spetta non a noi ma alle autorità italiane, al governo quando sarà insediato. Certamente noi abbiamo segnalato che le prime bozze vanno nella direzione auspicata e che ci sono diversi punti su cui bisogna lavorare".

Capitolo inflazione. In base alle previsioni del report della Commissione europea, l'inflazione nella zona euro dovrebbe aumentare, passando dallo 0,3 % del 2020 all'1,4 % nel 2021, per poi scendere leggermente all'1,3 % nel 2022. "Le previsioni relative all'inflazione per il 2021 nella zona euro e nell'UE sono in lieve aumento rispetto all'autunno, ma nel complesso il dato dovrebbe rimanere contenuto. Il ritardo subito dalla ripresa continuerà presumibilmente a frenare le pressioni della domanda aggregata sui prezzi. Nel 2021 l'inflazione sarà temporaneamente spinta al rialzo da effetti base positivi sull'inflazione dei beni energetici, da adeguamenti fiscali - soprattutto in Germania - e dagli effetti di una domanda repressa su un'offerta ancora limitata in certi settori. Nel 2022, con l'adeguamento dell'offerta e la graduale riduzione degli effetti base, l'inflazione dovrebbe subire nuovamente un leggero calo", si legge in una nota della Commissione.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.