Facebook Pixel
Sabato 29 Gennaio 2022, ore 13.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Istat alza stime PIL biennio 2021-2022

Segnali favorevoli per l'occupazione nei prossimi mesi

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - L'Istat rivede al rialzo le stime del PIL per l'anno in corso e per il prossimo. Nelle ultime prospettive per l'economia italiana, l'Istituto di statistica stima ora, per il 2021, una espansione del Prodotto Interno Lordo al 6,3% rispetto al +4,7% indicato a giugno. Più contenute le attese per il 2022 quando prevede una crescita del PIL al 4,7% contro il +4,4% previsto in precedenza.

Lo scenario presentato tiene conto degli effetti degli interventi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), dell'orientamento ancora espansivo della politica monetaria e dell'assenza di significative misure di contenimento delle attività sociali e produttive legate all'emergenza sanitaria.

Per l'Istat, nel biennio 2021-2022, l'aumento del PIL sarà determinato prevalentemente dal contributo della domanda interna al netto delle scorte, a cui si assocerebbe un apporto più contenuto della domanda estera netta. Gli investimenti sosterranno la ripresa con una intensità più accentuata quest'anno (+15,7%) rispetto al 2022 (+7,5%). Anche i consumi delle famiglie residenti e delle ISP segneranno un deciso incremento (+5,1% e +4,8%).

Segnali favorevoli per l'occupazione nei prossimi mesi

L'occupazione nel 2021-2022 (misurata in termini di unità di lavoro annuali) seguirà il miglioramento dell'attività economica con un aumento più accentuato quest'anno (+6,1%) rispetto al 2022 (+4,1%). L'andamento del tasso di disoccupazione - spiega l'Istat - rifletterà invece la progressiva normalizzazione del mercato del lavoro, con un incremento nel 2021 (9,6%) e una riduzione nel 2022 (9,3%).




Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.