Facebook Pixel
Venerdì 27 Maggio 2022, ore 19.48
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Caro energia, ANFIA: "Misure insufficienti. Serve intervento strutturale"

Sulla stessa linea Assolombarda: "Provvedimenti di breve periodo. Nostre proposte non sono state prese in considerazione"

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - Le misure previste dal decreto Sostegni non soddisfano le associazioni. Dopo le perplessità espresse oggi da Confartigianato e CNA anche Assolombarda e Anfia, l'associazione nazionale filiera industria automobilistica, si aggiungono al coro degli scontenti.

"Il testo disponibile al momento in merito alle misure per contrastare l'emergenza energetica a nostro avviso presenta criticità rilevanti nel medio-lungo periodo – afferma Alessandro Spada, presidente di Assolombarda –. Se guardiamo l'immediato, valutiamo certamente positivo l'azzeramento degli oneri di sistema per il primo trimestre 2022 per le utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, anche connesse in media e alta/altissima tensione perché coinvolge tutte le imprese. Certamente negativo, invece, il fatto che si tratti di misure relative esclusivamente al breve periodo e all'energia elettrica, senza dunque interventi sul gas che è la componente energetica che ha subito il rincaro più elevato e che rappresenta un vettore energetico ancora importante per il nostro Paese e sul quale riteniamo fondamentale, per esempio, aumentare la capacità di estrazione dei giacimenti nazionali passando dagli attuali 4 Mld di metri cubi per anno ad 8. Purtroppo – ha concluso Spada –, molte delle nostre proposte, sviluppate secondo una logica strutturale con impatti sul breve ma anche sul medio-lungo periodo, non sono state prese in considerazione".



"Dalle prime bozze circolate relative al decreto-legge sostegni, in tema di caro energia, sembra emergere che le misure prese in considerazione dal Governo sono congiunturali e non strutturali: una serie di interventi spot insufficienti a contrastare il rialzo di oltre 6 volte del costo del gas e di oltre 4 di quello dell'energia elettrica, che impediscono alle aziende, nelle prossime settimane, di poter soddisfare gli ordini che, pure, registrano abbondanti anche dall'estero. Occorrono, invece, interventi di forte e immediato impatto come accaduto in Francia e in Germania – sottolinea in una nota Anfia –. Nelle misure del decreto in bozza non troviamo riscontri alle proposte da noi avanzate, riguardanti in particolare: la cessione della produzione nazionale di gas ai settori industriali per 10 anni con anticipazione dei benefici finanziari l'anno 2022; la cessione di energia rinnovabile elettrica consegnata al GSE per un quantitativo di circa 25TWh e trasferita ai settori industriali a rischio chiusura ad un prezzo di 50 euro/Mwh; l'incremento delle agevolazioni per i settori energivori con riferimento alle componenti parafiscali della bolletta elettrica". La criticità principale delle misure, scrive Anfia, "è la mancanza di un forte impatto immediato che dia modo di lavorare insieme al Governo, nei mesi successivi, ad un piano più strutturale e di lunga durata, ed espone tutta la filiera automotive, a cui gran parte delle aziende ad alta intensità energetica fanno riferimento, un ulteriore enorme fattore di rischio, oltre a quelli già presenti per l'accelerazione della transizione energetica".

"Quest'emergenza rappresenta, e non solo per la nostra filiera, una vera pandemia – commenta Roberto Vavassori, delegato Anfia per l'Energia – vista la gravità per il sistema economico italiano, di cui stiamo celebrando i risultati 2021, che, pure, rischiano di essere vanificati proprio dall'elemento energia. È qualcosa di inaccettabile. Intere filiere industriali hanno un elevato quantitativo di ordini da evadere ma, per via del caro energia, non riescono a decidere se produrre in perdita o fermarsi. Un altro paradosso è che a risultare avvantaggiati dalla situazione sono Paesi, anche europei, nostri concorrenti che non hanno la stessa dipendenza dal gas dell'Italia, che paga, quindi, il suo essere più virtuosa a livello di impatto ambientale. L'intensità e l'immediatezza delle misure abbozzate nel decreto-legge sostegni sono molto diverse da quelle che noi chiediamo di mettere in gioco. Occorre creare una situazione non dissimile da quella della Francia: riformulare il meccanismo di fissazione del prezzo dell'energia facendo giocare le rinnovabili (a presso calmierato a disposizione dell'industria manifatturiera), che oggi non sono considerate. Dal punto di vista della filiera produttiva automotive italiana, questo intervento è quanto mai urgente e indispensabile per varie ragioni: siamo stati fortemente colpiti, nel 2021, da una serie di fattori negativi che hanno determinato una chiusura d'anno a -20% del fatturato; siamo l'unica filiera dell'industria manifatturiera a cui è richiesto, a livello europeo, il raggiungimento di obiettivi ambientali ambiziosissimi in tempi molto rapidi; anche se non tutte le nostre aziende sono energivore, dipendiamo da catene industriali ad alta intensità di energia, che ribaltano i rincari su di noi; siamo di fronte a una decisione importante del Gruppo Stellantis, che non ha mancato di mettere all'indice il costo dell'energia per programmare un ingente investimento in Italia: una gigafactory, che, per definizione, vive di energia. Chiediamo, quindi, di mettere in campo misure che abbiano un impatto immediato nelle prossime settimane, per poi definire rapidamente, nei mesi a venire, quando la tensione si allenterà, delle misure strutturali".



(Foto: © sashkin7 | 123RF)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.