Facebook Pixel
Lunedì 27 Giugno 2022, ore 17.00
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Gruppo FS, Ferraris: "verificare nuove modalità di finanziamento per le infrastrutture di trasporto"

L’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato al convegno all’Università di Roma Tor Vergata

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - "Pianificare, progettare e attuare un'infrastruttura considerando la stessa a vita intera, nel suo ciclo completo, anche prospettando nuove modalità di finanziamento. A pochi giorni di distanza dalla presentazione del Piano Industriale 2022/2031, l'amministratore delegato del Gruppo FS Luigi Ferraris torna su uno dei temi trattati in quella sede nel convegno organizzato dall'Università di Roma Tor Vergata e dalla Corte dei conti, dal titolo La tutela della finanza pubblica per sviluppare il Paese. "I controlli pubblici: riforme ed efficacia della spesa", iniziativa volta a promuovere politiche finalizzate a favorire la diffusione della cultura gius-contabilistica" è quanto riportata FS News il portale di informazione del Gruppo Ferrovie dello Stato.



Nell' articolo si legge che "nel corso dell'incontro ospitato dall'Ateneo romano - in coerenza con la sua missione formativa - l'AD di Ferrovie dello Stato Luigi Ferraris ha partecipato a un panel che ha avuto per oggetto un quadro d'insieme sulle riforme dei controlli e di quelle istituzionali, a cui hanno preso parte alti rappresentanti della politica e della società civile italiana".

"Pochi giorni fa abbiamo presentato il nostro Piano Industriale 2022/2031 da 190 miliardi di euro di investimenti, che ha tra i suoi principali obiettivi finalizzare questi investimenti pubblici realizzando le opere nei tempi previsti e creare un sistema di trasporti e logistica sempre più integrato, efficiente, sostenibile. Adeguato alle necessità di crescita del Paese", ha sottolineato Ferraris. Un piano dal respiro decennale dunque, elaborato nella convinzione che la prospettiva temporale sia necessaria per un'adeguata programmazione delle attività e un efficace perseguimento degli obiettivi. "Ma per attuare il Piano - ha spiegato il top manager FS - è necessaria anche una rivisitazione di metodi e strumenti, fattori chiave per qualificare la spesa pubblica. Oggi - ha proseguito Ferraris - il rapporto con i grandi soggetti attuatori, come per esempio le nostre RFI ed Anas, utilizza strumenti come i contratti di programma e di servizio, gli accordi, i protocolli di intesa, le intese territoriali, che risentono ancora di una eccessiva distanza temporale tra intenzioni e attuazioni, tra cassa e competenza, tanto che la responsabilità di risultato, alla fine, non è del tutto ben focalizzata".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.