Facebook Pixel
Milano 12-apr
33.764,15 +0,15%
Nasdaq 12-apr
18.003,49 -1,66%
Dow Jones 12-apr
37.983,24 -1,24%
Londra 12-apr
7.995,58 +0,91%
Francoforte 12-apr
17.930,32 -0,13%

Dl Anticipi, da Lega e Pd emendamenti per proroga bonus Ipo

La misura ha fornito una spinta significativa per le quotazioni sul mercato Euronext Growth Milan

Economia
Dl Anticipi, da Lega e Pd emendamenti per proroga bonus Ipo
(Teleborsa) - Con due emendamenti presentati in Senato da Lega e Partito democratico, maggioranza e opposizione si mostrano unite nella richiesta di una proroga del bonus Ipo per le piccole e medie imprese. Obiettivo dei due emendamenti al dl Anticipi presentati in Senato da Lega e Pd è estendere a tutto il 2024 il credito d'imposta sulle spese in consulenze di cui possono beneficiare le Pmi che decidono di andare in borsa. Appelli per un rinnovo della misura arrivano da IrTop Consulting ad Assosim e AssoNext, che aumentano il pressing sul ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti per il ripristino dell'incentivo ed avanzano una proposta di proroga permanente.

Le due proposte, a prima firma del senatore leghista Stefano Borghesi e del collega Dem Andrea Martella, confermano l'attuale impianto dell'incentivo e lo stanziamento di 10 milioni ma si riscontrano differenze sul fronte delle coperture: la Lega punta sul Fondo per gli interventi strutturali di politica economica, il Pd su risparmi e maggiori entrate dalla rimodulazione o dall'eliminazione di sussidi dannosi per l'ambiente.

Il bonus Ipo – Il credito d'imposta sostiene le Pmi che decidono di quotarsi in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo. Il Credito di Imposta sulle spese di consulenza relative alla quotazione delle Pmi riguarda i costi che l'Emittente sostiene per il processo e che possono essere raggruppati in due macrocategorie: costi fissi di advisory e costi variabili di collocamento. I costi fissi sono espressi in funzione della struttura, dimensione e della complessità aziendale e includono, tra le altre, tutte le consulenze specifiche necessarie per valutare la fattibilità di IPO e supportare la società nel processo tra cui: costi di Advisory finanziario, due diligence fiscale, legale finanziaria e di business, gestione della comunicazione finanziaria e IR, Listing fee e costi di dematerializzazione dei titoli.

Le agevolazioni – In attuazione dei commi da 89 a 92 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (legge di bilancio 2018) le Pmi che decidono di quotarsi in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione potevano usufruire di un credito d'imposta pari al 50% delle spese di consulenza sostenute, fino a un massimo di 500mila euro. Con la legge di bilancio per l'anno 2021 la misura quotazione Pmi era stata prorogata al 31/12/2021. Con la legge di bilancio per l'anno 2022 la misura era stata prorogata al 31/12/2022 con parziale modifica delle condizioni (la copertura dei costi, per la quotazione nella misura del 50% delle spese sostenute, era consentita sino ad un importo massimo di 200mila euro). Infine, lo scorso anno, con la legge di bilancio per l'anno 2023, (legge 29 dicembre 2022, n. 197), la misura è stata prorogata al 31/12/2023 con modifica delle condizioni: le Pmi che inizino una procedura di ammissione alla quotazione in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell'Unione Europea o dello Spazio economico europeo e che ottengano l'ammissione alla quotazione, possono richiedere un credito d'imposta pari al 50% dei costi di consulenza sostenuti, fino a un massimo di 500mila euro.

L'impatto della misura – Il CDI ha rappresentato la forma di incentivo a favore dell'impresa più adatta al modello di mercato azionario per le sue caratteristiche di immediata comprensione e facilità di implementazione. Secondo l'Osservatorio PmiEuronext di IR Top Consulting, la misura ha fornito una spinta significativa per le quotazioni sul mercato Euronext Growth Milan (ex AIM Italia) che ha registrato, da gennaio 2018 al 2022, 125 nuove IPO. Non a caso tra i fattori che maggiormente scoraggiano l'accesso ai mercati alle PMI, la Commissione Europea ha, infatti, individuato gli eccessivi costi di quotazione.
Condividi
```